Forum del Terzo Settore esprime solidarietà all’IPF “Gilberto Perri”

Abbiamo appreso dell’inqualificabile gesto di violenza perpetrato ai danni dell’Istituto per la famiglia sez G.Perri. A nome del Coordinamento del Forum del Terzo Settore Metropolitano di RC e di tutti gli associati, esprimo solidarietà all’organizzazione e condanna per il gesto intimidatorio. La manifestazione del dissenso è un elemento di democrazia viva, le modalità violente di esprimerlo si collocano invece fuori dalla cornice di valori su cui si fonda la nostra Costituzione democratica nata dalla resistenza che, invece, fanno da riferimento alle azioni Forum.

TTG di Rimini, grande successo per “Calabria Straordinaria”

Ultimo giorno per “Calabria Straordinaria” al Ttg-Travel Experience di Rimini, il marketplace del turismo in Italia, quest’anno alla 58esima edizione.

La partecipazione alla più prestigiosa vetrina italiana del settore ha portato a numerosissimi incontri tra gli operatori locali ed i buyer nazionali ed internazionali in questa tre giorni nello stand di 300 metri quadrati, interamente personalizzato.

IL PREMIO “COVID SAFETY INDEX”

L’esperienza al Ttg 2021 è stata sugellata, inoltre, dal conferimento alla Regione Calabria del premio “Covid Safety Index”, da parte della società “The Data Appeal Company”, per la gestione dei protocolli Covid-19 (sanificazione, distanziamento, orari, modalità di accesso) nelle strutture ricettive calabresi. Soluzioni e misure anti contagio calabresi sono risultate le più rassicuranti d’Italia agli occhi del turisti e dei viaggiatori, specie in estate, quando l’indice di soddisfazione (in altri periodi al 60,7%) è arrivato al 71,6%.

«DESIDERIO DI TORNARE A VIAGGIARE»

«La partecipazione della Regione Calabria a questa edizione del Ttg – ha evidenziato la dirigente della Uoa Promozione della Regione Calabria, Maria Antonella Cauteruccio -, è stata particolarmente importante per il rilancio del turismo dopo due anni di grande instabilità, a causa della pandemia da Covid-19, oltre che strategica per intercettare il diffuso desiderio della comunità mondiale dei viaggiatori, che in questi giorni abbiamo potuto verificare di persona, di tornare a viaggiare in sicurezza ma al più presto».

REGGIO – Ente Parco, firmato contratto collettivo integrativo

È stato sottoscritto il contratto collettivo integrativo dei lavoratori dell’Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte. Per la prima volta da quanto è stato istituito l’Ente, il contratto è stato firmato in un’unica riunione sindacale dai rappresentanti delle organizzazioni FP CGIL, CISL FP E. UIL PA, dal funzionario delegato dell’Ente, durante l’incontro che ha visto la partecipazione anche di RSU e RSA di Cisl e Uil, del presidente del Parco e dell’OIV (Organismo Indipendente di Valutazione).

La firma sul contratto integrativo rappresenta una positiva conclusione di un lungo percorso di concertazione, che è riuscito ad armonizzare le istanze di tutte le parti coinvolte, mettendo al centro le esigenze contrattuali del personale dell’Ente Parco, per migliorare le condizioni lavorative e garantire una maggiore efficienza amministrativa, offrendo così migliori prestazioni alle comunità d’Aspromonte. Con la sigla del contratto integrativo viene ulteriormente valorizzata l’operosità e la dignità dei lavoratori dell’Ente,  al servizio del Parco, nell’ottica di un sistema di welfare moderno ed rinnovato, capace di interpretare e coniugare le esigenze dei lavoratori e la necessità di proporre servizi agli utenti, accorciando ulteriormente le distanze tra Pubblica Amministrazione e cittadini.

“Il rinnovo del contratto integrativo era atteso da molti anni. – ha dichiarato il funzionario delegato dell’Ente Sabrina Scalera- La firma, giunta in un’unica riunione sindacale, a dimostrazione del clima distensivo e di collaborazione, soddisfa le aspettative dei dipendenti, valorizzando le risorse umane e professionali che quotidianamente si prodigano per il buon andamento degli uffici con l’obiettivo di rendere sempre più efficiente la P.A.”

 

 

 

COSENZA – Domenica 17 ottobre e lunedì 18 ottobre il turno di ballottaggio per eleggere il nuovo Sindaco

Domenica 17 ottobre e lunedì 18 ottobre i cittadini di Cosenza saranno chiamati nuovamente alle urne per eleggere, al turno di ballottaggio, il nuovo Sindaco della città.

Due i candidati rimasti in lizza dopo il primo turno elettorale del 3 e del 4 ottobre scorsi: Francesco Caruso e Francesco Alessandro Caruso detto Franz. Nella prima tornata elettorale Francesco Caruso totalizzò 13.132 voti, pari al 37,43%, mentre Franz Caruso ottenne 8.342 voti, pari al 23,78%.

I seggi elettorali, dislocati nelle 82 sezioni cittadine (incluse le 5 sezioni speciali e la sezione Covid appositamente istituita presso l’Ospedale dell’Annunziata) apriranno domenica 17 ottobre, alle ore 7,00, per chiudere alle ore 23,00. Lunedì 18 riapriranno alle ore 7,00 per chiudere alle 15,00. Subito dopo inizierà lo scrutinio. L’Ufficio Elettorale del Comune ricorda che gli aventi diritto al voto sono 56.959 di cui 30.475 donne e 26.484 uomini. Negli aventi diritto al voto sono da conteggiare 3.953 elettori AIRE (l’anagrafe della popolazione italiana residente all’estero) e i 340 elettori dell’Unione Europea.

Sul manifesto elettorale e sulle schede di votazione, per effetto del sorteggio effettuato lunedì scorso a Palazzo dei Bruzi dalla Commissione elettorale circondariale, i nominativi dei candidati alla carica di Sindaco compariranno in quest’ordine: per primo il nominativo del candidato Francesco Alessandro Caruso detto Franz e, subito dopo, quello del candidato Francesco Caruso.

I contrassegni che saranno riportati sul manifesto elettorale e sulle schede di votazione, non essendo intervenute, nel termine stabilito, richieste formali di apparentamento tecnico, seguiranno l’ordine definitivo riportato a seguito delle operazioni di rinumerazione effettuate in occasione del primo turno e cioè:

Francesco Alessandro Caruso detto Franz: Partito Socialista Italiano, Partito Democratico, Franz Caruso Sindaco;

Francesco Caruso: Bella Cosenza, Fratelli d’Italia, La Cosenza che vuoi, Forza Cosenza – Francesco Caruso Sindaco, Coraggio Cosenza, Occhiuto per Caruso Visione Continuità, Unione di Centro Calabria e Lega Salvini Calabria.

Dall’esito del ballottaggio dipenderà anche la composizione del nuovo consiglio comunale. Solo dopo lo scrutinio che avrà indicato il nome del nuovo Sindaco della città che succederà a Mario Occhiuto, si conosceranno tutti i nomi dei 32 consiglieri che siederanno nei banchi della sala delle adunanze di Palazzo dei Bruzi, intitolata al giornalista Antonino Catera.

Anche in occasione delle operazioni di scrutinio relative al ballottaggio, il Comune di Cosenza allestirà, come già avvenuto al primo turno, la sala stampa, nel salone di rappresentanza al primo piano di Palazzo dei Bruzi. La sala stampa sarà aperta, ai giornalisti delle testate che intenderanno accreditarsi per seguire l’andamento del turno di ballottaggio, a partire dalle ore 15,00 di lunedì 18 ottobre, in coincidenza con l’inizio delle operazioni di scrutinio.

I dati relativi allo scrutinio del turno di ballottaggio saranno proiettati, a cura dell’Ufficio Elettorale e del Settore Innovazione Tecnologica del Comune, su un maxi schermo allestito per l’occasione.

L’accesso alla sala stampa sarà contingentato nel rispetto della normativa anti covid e sarà consentito solo ai giornalisti, ai fotografi e agli operatori televisivi accreditati e muniti di green pass. E’, inoltre, vivamente raccomandato l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale.

In occasione del turno di ballottaggio per l’elezione del nuovo Sindaco gli Uffici Anagrafe ed Elettorale del Comune di Cosenza, siti in Piazza G.Mancini, al 1° piano del Complesso “I Due Fiumi”, garantiranno aperture straordinarie, per agevolare il rilascio delle tessere elettorali e delle carte d’identità, nei giorni di sabato 16, domenica 17 e lunedì 18 ottobre secondo i seguenti orari:

Sabato 16 ottobre: dalle ore 9,00 alle ore 18,00;

Domenica 17 ottobre: dalle ore 7,00 alle ore 23,00;

Lunedì 18 ottobre: dalle ore 7,00 alle ore 15,00.

REGGIO – Domenica 17 presentazione del libro “La Fine del Mondo” (Leonida Edizioni), presso la Fattoria Urbana Catona

Domenica 17 ottobre, alle ore 18.00, alla “Fattoria urbana” di Catona, avrà luogo la presentazione del secondo romanzo di Simeone Carullo, “La Fine del Mondo – storia di un piegato”, edito da Leonida Edizioni.

Dopo i saluti di Antonino Santisi, Presidente dell’Associazione culturale “Il Salotto dei poeti – La Rosa del pozzo”, e dell’editore Domenico Pòlito, prenderanno parte al dibattito: Giada Di Pino, redattrice di Leonida Edizioni, il professore dell’Ist. “Spanò Bolani” Alberto Abbratozzato, e Nuccio Barillà, del Direttivo Nazionale di “Legambiente”, con il quale sarà affrontato l’argomento – centrale nel romanzo – dei cambiamenti climatici legati al Global Warming.

Modera il giornalista Luca Assumma.

 

“La Fine del mondo – Storia di un piegato”, narra le vicissitudini di una coppia che, nel contesto di una Reggio pseudodistopica, matura l’idea di fare un figlio.

Il desiderio di maternità della sua compagna pone il protagonista, Ernest, di fronte ad un dubbio amletico: “in un mondo spinto a tavoletta verso la rovina ha ancora senso concepire un bambino?”

Al bivio ci si dilania … ed Ernest si trova proprio al famigerato bivio, combattuto tra la tenerezza e la razionalità, a sperimentare tutta la gamma delle emozioni che “l’incontro con i noi stessi del futuro” suscita.

Nello svolgersi avvincente degli eventi l’autore ci conduce, con un linguaggio brutalmente colloquiale, dentro il turbinio di pensieri e contrastanti passioni. Metronomi di questi sono le numerose citazioni (di film e romanzi) che ne scandiscono umori e tempi e rivelano strutture e sovrastrutture di una mente.

Circondato da personaggi eccentrici – la vecchia strabica, il buon Baldo e la “DirettriceMegaGalattica” – Ernest ingaggia una strenua lotta il cui campo di battaglia è la sua coscienza.

E lì, in quel luogo della solitudine silenziosa, elabora reazioni e risposte che saziano solo la paura che lo inchioda e che lo snerva. Ma sarà davvero “la fine del mondo”?

“La Fine del mondo – storia di un piegato”, è disponibile sulle principali piattaforme di vendita online (Feltrinelli, IBS, LibreriaUniversitaria) e nelle librerie del circuito distributivo della “Leonida Edizioni”: Libreria AVE-Ubik, Libreria Amaddeo; Laruffa; Cartolibreria Donny’s di Pellaro.

“La Fine del Mondo – Storia di un piegato” presenta in copertina l’opera pittorica “La donna del Sole” del professore Carmelo Cotroneo; la Prefazione è del giornalista de “IlDispaccio.it” Walter Alberio; Postfazione del prof. Alberto Abbratozzato con la speciale collaborazione di Maria Laface. Postproduzione grafica dell’immagine di copertina di Francesco Zappia. Art Director: Irene Piras; correzione di bozze a cura di Renata Rossi.

 

149°Anniversario costituzione Truppe Alpine dell’Esercito, Sottosegretario Pucciarelli: ‘alpinità’ è valore aggiunto al servizio della collettività e del Paese

“Oggi, in occasione del 149°anniversario della costituzione delle Truppe Alpine dell’Esercito Italiano, sono lieta di rinnovare la mia ammirazione agli uomini ed alle donne di questa gloriosa specialità dell’Arma di Fanteria e rendere idealmente merito al patrimonio di virtuosi modelli di unione, schiettezza, solidarietà e attitudine alle ardue sfide di cui è portatore quell’antico e peculiare modo d’essere e d’agire, immutato negli anni, che oggi identifichiamo col neologismo ‘alpinità’; autentico valore aggiunto al servizio della collettività e del Paese.” – rende noto il Sottosegretario alla Difesa, Stefania Pucciarelli, nella ricorrenza del 15 ottobre, data dell’istituzione del Corpo degli Alpini, con l’allora decreto del 1872 che dava attuazione al progetto del Capitano bersagliere di stato maggiore Giuseppe Perrucchetti, ex insegnante di geografia, secondo cui la difesa di valichi e confini alpini avrebbe dovuto giovarsi della predisposizione e ‘familiarità ambientale’ delle locali genti di montagna, inquadrate in un apposito ordinamento militare territoriale dedicato alla zona alpina.

“Ciò fece delle nostre ‘Penne Nere’ il più antico Corpo di Fanteria da montagna attivo nel mondo, che in questo primo secolo e mezzo di vita si è costruito sul campo un glorioso retaggio – costellato di luminosi esempi di eroismo, valore, sacrificio e senso della responsabilità –, confermandosi ancor oggi componente altamente specializzata dell’Esercito Italiano, sempre dinamicamente capace di evolvere rispetto alle profonde mutazioni dei potenziali scenari d’impiego e dei relativi contesti operativi.” – ha proseguito Pucciarelli nel tracciare i connotati essenziali del modo di servire degli Alpini che, non solo è diventato sinonimo di grande professionalità, rigore comportamentale e prontezza a qualsiasi tipologia di intervento nel mondo con ‘le Stellette’, ma ha finito per travalicare la dimensione militare facendo più in generale della ‘alpinità’ – le cui radici sono profondamente e intimamente fuse con la militarità alpina – un autentico emblema di generosa progettualità concreta, di genuino impegno solidale e di grandissimo slancio umanitario.

“Le nostre Truppe Alpine – ha concluso il Sottosegretario Pucciarelli – rappresentano un Corpo antico, saldamente poggiato su esemplari basi valoriali che continuano a proiettarne i suoi componenti verso un futuro di abilitante rilevanza in seno all’Esercito Italiano e nel più virtuoso processo di integrazione interforze.”

Andrew Quinn approda con i suoi effetti speciali all’Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria

L’artista multimediale di fama internazionale, Andrew Quinn, audio-visual performer e musicista, sarà presente all’Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria, con il workshop TouchDesigner: basi e progettualità, che curato dal prof. Fabrizio Sebastiani, docente di Tecniche Grafiche Speciali, avrà luogo dal 19 ottobre a 12 novembre.

Conosciuto per gli effetti digitali realizzati in capolavori cinematografici come “Matrix”, “Tomb Rider”, “Nirvana” e “Vajont”, Andrew Quinn ha accolto l’invito dell’Accademia, per offrire ai giovani che si approcciano al mondo della progettazione digitale, esperienze nate dall’integrazione tra suono e immagini, colore e movimento.

Il corso offrirà competenze sull’utilizzo dell’ambiente grafico di programmazione “TouchDesigner”, una delle tecnologie più utilizzate, a livello mondiale, per lo sviluppo di opere ambientali, immersive, multimediali.

Il “TouchDesigner” è un software a paradigma modulare, basato sui nodi, capace di creare contenuti in real time mettendo a disposizione del progettista direttamente i flussi di dati che le macchine digitali creano e si scambiano.

 

L’evento fa parte di un più ampio progetto denominato “Laboratorio dello Stretto” ideato e sviluppato in coerenza con le Linee guida dell’Azione 10.5.1 del POR Calabria FESR/FSE 2014-2020”, presso l’Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria, diretta da Maria Daniela Maisano e presieduta da Francesca Maria Morabito.

 

Come partecipare

Il workshop è a numero chiuso, destinato a max 30 partecipanti, per maggiori informazioni basta visitare il sito dell’Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria e accedere all’area dedicata al “Laboratorio dello Stretto”.

 

(http://www.accademiabelleartirc.it)

 

Programma del corso

Le attività si articoleranno in due fasi, la prima dal 19 al 22 ottobre online e la seconda dal 10 al 12 novembre.

 

Prima parte (online)

19 ottobre 2021 – dalle h15.00 alle h18.00

Contenuto: presentazione dell’interfaccia del software e concetti base.

Docente prof. Fabrizio Sebas6ani.

20, 21, 22 ottobre 2021 – dalle h15.00 alle h18.00

Contenuto: primi tre incontri di completamento e approfondimento della conoscenza base del sistema e rudimentali allo sviluppo del progetto.

Docente esperto Andrew Quinn.

Seconda parte (in presenza)

10, 11, 12 novembre 2021 – dalle h9.00 alle h13.00 e dalle 15.00 alle 19.00

Contenuto: completamento del progetto in TouchDesigner e test con le apparecchiature coinvolte.

Docente esperto Andrew Quinn.

 

 

Nota biografica di Andrew Quinn (http://andrewquinn.org/)

È un artista specializzato in computer graphics e musicista australiano. Ha lavorato agli effetti speciali di film come “The Matrix”, “Tomb Raider”, “Dark City”, “Nirvana” e “Vajont”. Negli ultimi anni si è specializzato in installazioni video su schermi multipli e ambienti immersivi; inoltre, si è concentrato sulla grafica digitale per produzioni interattive di danza e musica contemporanea, tra cui la serie Koine’ per Pomeriggi Musicali al Teatro Del Verme nel 2011 e per la Biennale di Musica a Venezia nel 2012 e nel 2016. Quest’ultima sua partecipazione ha previsto un concerto dell’Ensemble Orchestral Contemporain. Tra i suoi lavori nel campo dell’opera ci sono i set virtuali 3D stereoscopici per la produzione di “Bluebeard’s Castle” di Bartok per l’Hungarian State Opera (2011) e anche i set virtuali con illuminazione a LED per una produzione dell’’Orfeo” di Monterverdi a Canberra nel 2014. Andrew Quinn lavora anche con orchestre e ha creato le immagini sonore reattive per le esibizioni di Debussy “Children’s Corner” e “Pictures at an ExhibiPon” di Mussorgsky. Lavora con il Video Mapping creando contenuti audio reattivi in tempo reale per performance in cui vengono utilizzate tecniche di scansione laser per modellare set tradizionali. Dal 2014 si esibisce regolarmente in Russia con live visual per i principali compositori musicali, in particolare Nikolay Popov. Al Salone del Mobile di Milano del 2019 ha lavorato all’installazione “AQUA – Da Vinci’s water vision” per Balich Worldwide Shows

VIBO VALENTIA – Sequestrati dalla Guardia di Finanza 212 mila euro ad affiliati alla ‘ndrangheta

Il Comando provinciale di Vibo Valentia della Guardia di finanza ha eseguito un decreto di sequestro di somme in denaro per 212 mila euro a carico di 28 persone che percepivano il reddito di cittadinanza pur non avendone diritto. Tra loro, secondo quanto riferiscono le fiamme gialle, ci sono esponenti di spicco ed affiliati alle cosche del Vibonese della ‘ndrangheta già coinvolti nelle operazioni Costa Pulita, Ossessione, Cerbero e Rinascita Scott.

Il provvedimento di sequestro é stato emesso dal Gip di Vibo Valentia su richiesta del Procuratore della Repubblica, Camillo Falvo.

Gli accertamenti di polizia giudiziaria svolti nell’ultimo periodo, in particolare, dalla Tenenza di Tropea della Guardia di finanza avevano già consentito, tra l’altro, di segnalare all’autorità giudiziaria un gruppo soggetti che, in prima persona o attraverso i loro familiari, avevano ottenuto dall’Inps il reddito di cittadinanza omettendo di dichiarare di essere sottoposti a misure cautelari personali o di essere stati condannati per vari reati, tra cui associazione per delinquere di tipo mafioso. (ANSA).

CALABRIA – Giunta Regionale, De Nisi e Cirillo: “Coraggio Italia farà scelte in base a merito, consenso e militanza”

«Dopo la lettura di alcune agenzie di stampa, vorremmo ribadire che ‘Coraggio Italia’ è nato per la promozione non solo di idee innovative ma anche di un nuovo modo di fare politica basato sulla militanza, sul merito e sul consenso.

Lo affermano in una nota congiunta Francesco De Nisi e Salvatore Cirillo, consiglieri regionali di ‘Coraggio Italia’.

De Nisi e Cirillo aggiungono: «Questo metodo sarà ovviamente seguito nelle prossime scelte anche della dirigenza nazionale del partito ad iniziare dalla nostra possibile rappresentanza nella giunta della Regione Calabria, dove c’è stato l’esordio elettorale del nostro partito».

Poi concludono: «Si tratta di scelte che dovranno essere assunte nel rispetto delle prerogative del Presidente Occhiuto e alla luce del consenso che ci ha assegnato la responsabilità di rappresentare ‘Coraggio Italia’ nel Consiglio regionale calabrese».

REGGIO – Arrestato un latitante di Seminara

Nella serata dello scorso 11 ottobre, in esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa l’1.07.2021 dal GIP presso il Tribunale di Palmi, gli Agenti della Polizia di Stato in servizio presso il Commissariato di P.S. di Palmi hanno individuato ed arrestato un pericoloso latitante di Seminara (RC).

La cattura del latitante, avvenuta nei giorni scorsi, è il risultato di articolate attività d’indagine, coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palmi e condotte dal personale del Commissariato subito dopo il tentato omicidio ai danni di un soggetto pluripregiudicato, avvenuto lo scorso mese di maggio in una piazza di Seminara.

Nonostante la sussistenza di un contesto sociale ed ambientale molto ostile, caratterizzato da una forte e diffusa omertà nei confronti delle Istituzioni e da una complessa geografia del territorio, diviso tra estese campagne ed un centro cittadino di piccole dimensioni, gli Agenti della Polizia di Stato hanno individuato l’uomo all’interno di un vano ubicato nel sottoscala della propria abitazione, il cui ingresso era occultato da un armadio a muro dotato di guida scorrevole.

Il risultato conseguito, frutto di una collaborazione con la Squadra Mobile della Questura di Reggio Calabria,  ha permesso di assicurare alla giustizia un pericoloso latitante coinvolto nei locali ambienti criminali.

Il soggetto, più volte sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale di P.S., già destinatario di un provvedimento di confisca di diversi beni immobili per un valore complessivo di circa 500 mila euro, emesso nel 2017 dal Tribunale di Reggio Calabria a seguito di attività d’indagine svolte dalla Divisione Anticrimine della Questura, pregiudicato per i reati di detenzione e porto illegale di arma da fuoco, detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, resistenza e minaccia a Pubblico Ufficiale, era già noto alle Forze di Polizia quale elemento di spicco di una cosca di ‘ndrangheta operante in quel territorio.

Il cinquantunenne infatti è stato coinvolto in due importanti operazioni di polizia giudiziaria: nella prima, convenzionalmente denominata “Topa” dal nome di una località reggina, è stato appurato come l’uomo avesse fatto parte di un’associazione per delinquere di stampo mafioso infiltrata nell’ambito delle elezioni amministrative del Comune di Seminara del 2007; dalla seconda operazione di p.g., cosiddetta “Artemisia”, è emerso il profilo criminale dell’arrestato quale parte attiva nella faida tra le cosche di ‘ndrangheta operanti in Seminara, nonché la partecipazione ad un omicidio avvenuto nel 2007.

Esperite le formalità di rito l’arrestato è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Palmi a disposizione dell’A.G. procedente.