La Regione Calabria può recuperare il tempo perso sui pescatori in crisi per il caro carburante come fatto da altre Regioni

Non si spiega perché già tante Regioni, come le Marche, Emilia Romagna, Puglia, Sicilia, Lazio, Abruzzo ricorrendo a variazioni di bilancio, hanno stanziato risorse Regionali per il caro gasolio che grava sui pescatori e invece la Calabria non lo ha fatto.
Un legittimo interrogativo che è risuonato nell’interessante incontro con i pescatori che si è svolto al mercato ittico di Schiavonea di Corigliano – Rossano (CS), organizzato dalla Lega. Presenti il responsabile nazionale del Dipartimento Pesca della Lega Lorenzo Viviani e i candidati della Lega alle elezioni politiche del 25 Settembre prossimo.
È stato espressa soddisfazione per la battaglia vinta in Europa con l’approvazione del Reg. UE n. 2022/1278 del 18 luglio 2022 che consente agli Stati membri di destinare un indennizzo agli operatori del settore della pesca, dell’acquacoltura e della trasformazione per i mancati guadagni legati ai costi eccessivi del carburante riconducibili alla guerra in Ucraina. L’applicazione – chiarisce Molinaro – peraltro è retroattiva al 24.02.2022, data inizio conflitto e resterà operativa fino alla fine dell’anno. Sono indennizzi certamente prioritari per il nuovo Governo di Centro-Destra e del MIPAAF per far sì che possano essere disponibili entro la fine dell’anno. I pescatori hanno fatto presente la poca attenzione dell’Assessorato Agricoltura e Pesca che ha lasciato il settore senza ristori immediati per l’emergenza caro carburante. Nei mesi scorsi, pur in dialogo con l’assessore Gallo, hanno scioperato fermando i pescherecci, scendendo in piazza e recandosi anche davanti al Parlamento e al MIPAAF. Le difficoltà accumulate rischiano di far chiudere le marinerie calabresi.  Del resto la stessa Mozione n.22/12^ approvata in Consiglio Regionale il 06 giugno 2022 ha certificato lo stato di crisi già rappresentato fin da marzo all’Assessore. Mi auguro  – conclude Molinaro – che la Regione intervenga immediatamente spostando qualche milione di euro da capitoli improduttivi, che  rappresentano sprechi, al sostegno dei pescatori calabresi. Serve un atto di responsabilità e di buon governo verso i Pescatori che dopo il danno hanno subito la beffa apprendendo gli aiuti concessi dalle altre Regioni.

REGGIO – Sport, Pallacanestro Viola: Pasquale Motta Assistant Coach dei neroarancio

Confermato Pasquale Motta: sarà ancora lui l’Assistant Coach della Viola. Per il coach reggino si tratterà della trentesima stagione in maglia neroarancio. Grande professionalità e dedizione ai colori caratterizzano il professionista Motta che sarà anche, come già lo scorso anno il responsabile tecnico del settore giovanile.
“La conferma è per me motivo di grande soddisfazione, approccio la nuova stagione con un grande senso di sfida e con rinnovato entusiasmo – dichiara il coach – Sono particolarmente felice perché ho la possibilità di continuare a lavorare nella mia città, una piazza storica, e mi ritengo fortunato di poter collaborare con un club di questo spessore e con un passato così glorioso. Ringrazio di cuore il presidente Carmelo Laganà, il GM Giuse Barrile e tutta la società. Sono convinto che avremo le carte in regola per affrontare al meglio il campionato che si presenta altamente competitivo, contiamo sul sostegno di tutto il popolo neroarancio. FORZA VIOLA.”

Buon lavoro Pasquale!
#forzaReggio #forzaViola #serieBOldWildWest

CALABRIA – Covid, bollettino Regione: +742 nuovi casi positivi rispetto a ieri

In Calabria, ad oggi, il totale dei tamponi eseguiti sono stati 3703468 (+4.715). Le persone risultate positive al Coronavirus sono 544245 (+742) rispetto a ieri. Questi sono i dati giornalieri relativi all’epidemia da Covid-19 comunicati dai Dipartimenti di Prevenzione delle AA.SS.PP. della Regione Calabria. Territorialmente, dall’inizio dell’epidemia, i casi positivi sono così distribuiti:

– Catanzaro: CASI ATTIVI 2894 (26 in reparto, 2 in terapia intensiva, 2866 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 89508 (89133 guariti, 375 deceduti).

– Cosenza: CASI ATTIVI 41292 (55 in reparto, 1 in terapia intensiva, 41236 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 113204 (111924 guariti, 1280 deceduti).

– Crotone: CASI ATTIVI 946 (20 in reparto, 0 in terapia intensiva, 926 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 53657 (53399 guariti, 258 deceduti).

– Reggio Calabria: CASI ATTIVI 3682 (40 in reparto, 2 in terapia intensiva, 3640 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 184369 (183515 guariti, 854 deceduti).

– Vibo Valentia: CASI ATTIVI 1631 (14 in reparto, 0 in terapia intensiva, 1617 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 46292 (46108 guariti, 184 deceduti).

 

L’ASP di Catanzaro comunica 118 positivi di cui 5 fuori regione.

L’ASP di Cosenza comunica 232 nuovi soggetti positivi di cui 7 fuori regione.

BRANCALEONE (RC) – Nominato il primo Presidente del Consiglio

In occasione del Consiglio Comunale di martedi 6 settembre è avvenuta la nomina del Presidente del Consiglio Comunale, come previsto dal nuovo regolamento comunale, istituendo di fatto la nuova figura finora mai presente. L’indicazione di voto è stata fatta dal consigliere di maggioranza Danilo Cosmano: “Propongo – dichiara Cosmano – il consigliere Filippo Misiano quale Presidente, perché oltre ad avere i giusti requisiti per ricoprire l’incarico, è anche espressione di un ampio consenso elettorale, quindi figura politica rappresentativa della comunità”. La votazione e l’immediata esecutività avviene all’unanimità del Consiglio. “Ringrazio – interviene Misiano – tutti i consiglieri e in particolare Cosmano per l’apprezzamento e il consenso riservatomi. E’ per me un onore essere il primo Presidente del Consiglio a Brancaleone, e dedicherò tutto il mio impegno per ripagare la fiducia concessami”.

 

Il Presidente del Consiglio Regionale Filippo Mancuso plaude all’iniziativa del “Frecciarossa” con l’immagine del generale Dalla Chiesa

“Plaudo all’iniziativa delle Ferrovie dello Stato e dell’Arma dei Carabinieri che vedrà il ‘Frecciarossa’ attraversare  l’Italia con l’immagine del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, assassinato dalla mafia a Palermo nel 1982 assieme a sua moglie Emanuela Setti Carraro e all’agente di scorta Domenico Russo. Le parole che viaggeranno,  da Torino a Reggio Calabria, col volto dell’indimenticabile Generale  (“Certe cose non si fanno per coraggio, si fanno solo per guardare più serenamente negli occhi i propri figli e i figli dei nostri figli”), hanno la forza di sottolineare il sacrificio di uomini e donne in difesa della democrazia,  il disvalore assoluto delle mafie, ostacoli alle nostre libertà costituzionali e allo sviluppo e, al contempo, invitano gli italiani, al Nord e al Sud, a reagire con onestà e coraggio, assieme alle forze dell’ordine e della magistratura, contro sopraffazioni e poteri criminali organizzati”

REGGIO – Mediterranean Wellness, “PROMETEUS” infiamma l’Arena dello Stretto: la Compagnia BA17 vince ancora raccontando l’altra verità della Calabria

Reggio Calabria, 4 settembre. Il mese che saluta l’estate è iniziato con lo straordinario successo raccolto dagli artisti della “COMPAGNIA TEATRALE BA17”, applauditi all’Arena dello Stretto al termine dello spettacolo “PROMETEUS. DALLA TERRA IL FUOCO”, che continua a guadagnare consensi ovunque. Scritto e diretto dall’eclettica Angelica Artemisia Pedatella, in collaborazione con lo scrittore, sociologo e giornalista Claudio Cavaliere, l’opera racconta in un format teatrale innovativo e coinvolgente la vera storia dei contandini di Calabria, delle loro lotte e delle stragi di cui furono vittime. Lo spettacolo, però, nello stile BA17, pur raccontando una verità cruda, lancia un messaggio di responsabilità: la capacità della libera scelta che i Calabresi hanno sempre in mano. «La nostra poetica è quella della verità – racconta la regista Angelica Artemisia Pedatella – ma siamo artisti, non cronisti, non basta dire la verità, bisogna anche rappresentarla. Qui entra in gioco la responsabilità personale di veicolare anche le soluzioni ai problemi. La nostra poetica è la meraviglia perché è lo strumento che suscita entusiasmo. Tutto ciò che vogliamo, negli spettacoli che allestiamo, è suscitare entusiasmo: sta qui la vera chiave di ogni cambiamento e questa terra può ancora cambiare in meglio». Ispirato a fatti veri, a testimonianze raccolte e allo studio dei documenti sulle stragi contadine del Novecento, questo lavoro continua a suscitare interesse e plauso in tutta la regione. Con performance di fuoco dal vivo di Massimo Rotundo, le percussioni incalzanti di Antonio Sala, uno stile eschileo di recitazione delle brave Giuliana Tenuta, Vittoria Gargano, Sabrina Pugliese e Angela Gaetano, la danza selvaggia di Giada Guzzo e Raphael Burgo, la narrazione affascinante di Claudio Cavaliere che interviene a rompere il gioco performativo per narrare momenti essenziali di storia di Calabria, unendo all’emozione della performance quella sospensione intelligente che il suo racconto regala. In mezzo alle fiamme vere che si alzano in scena domina la scenografia, frutto di ricerca storica, curata dalla brava Silvana Esposito, autrice anche dei trucchi artistici sui volti dei personaggi. Lo staff, composto anche da Raffaele Guzzo, direttore di scena e addetto alla comunicazione insieme a Teta Cosentino, prosegue nel suo racconto social delle produzioni artistiche anche grazie al contributo creativo di Lorenzo Cardamone, brillante autore di immagini emozionanti, tra foto suggestive e realizzazioni audiovisive, in grado di suscitare quel sentimento di entusiasmo che resta fondamentale in tutte le messe in scena del team BA17. Ad accogliere l’opera all’Arena dello Stretto un pubblico numerosissimo, che ha regalato lunghi applausi e tributato il proprio entusiasmo, nell’ultima serata della manifestazione “MEDITERRANEAN WELLNESS – REGHION EDITION” ideata e organizzata da TXT società cooperativa. Il plauso per aver selezionato lo spettacolo nella manifestazione va a “CALABRIA DIETRO LE QUINTE”, l’associazione che ormai da anni porta a Reggio Calabria la cultura e lo spettacolo di qualità e che conferma la propria sensibilità nella scelta di artisti innovativi e di idee originali, continuando nella direzione di un rinnovamento della scena calabrese e della promozione di temi importanti.

Per seguire la Compagnia Teatrale BA17 è possibile chiedere informazioni su info@ba17.it e seguire le pagine social del team.

 

REGGIO – Covid 19, G.O.M.: un decesso nelle ultime 24 ore

La Direzione Aziendale del G.O.M. di Reggio Calabria comunica che, nella giornata di oggi, si è registrato un decesso.
Si tratta di una donna di 89 anni, non vaccinata, con severe patologie concomitanti all’infezione da Covid-19.
La Direzione esprime sincere condoglianze ai familiari della signora a nome di tutto l’ospedale.

Sono stati 133 i soggetti sottoposti allo screening per CoViD-19. Di questi, 4 sono risultati positivi.
In seguito a 2 ricoveri e 5 dimissioni, sono 39 i pazienti positivi al CoViD-19 ricoverati al G.O.M.: 16 nell’Unità Operativa di Malattie Infettive, 9 in Pneumologia, 11 in reparto multidisciplinare, 1 in Ostetricia e Ginecologia e 2 in Terapia Intensiva.

I pazienti finora accolti dal G.O.M. sono 3.643 (di questi, 6 hanno avuto un doppio ricovero per un totale di 3.649 ricoveri).
I pazienti deceduti sono 816.
I pazienti clinicamente guariti sono 2.320.
I pazienti trasferiti ad altro ospedale sono 468.

La Direzione del G.O.M. continua a raccomandare il rispetto delle misure di prevenzione del contagio, di tenere comportamenti sociali responsabili a tutela della salute di tutti nonché di aderire consapevolmente alla campagna vaccinale nazionale.
Per info. o in caso di sintomi sospetti contattare il numero Verde 1500 ministeriale.
Per info. sulla campagna vaccinale regionale contattare il Numero Verde 800 00 99 66 della Regione Calabria.

REGGIO – Polizia di Stato: Emessi 9 provvedimenti DACUR  per gli autori di una brutale aggressione avvenuta sul Lungomare reggino

Il Questore di Reggio Calabria ha emesso nove provvedimenti di DACUR – Divieto di Accesso ai Centri Urbani (c.d. DASPO urbano) – nei confronti di altrettanti giovani, due di essi ancora minorenni, autori della brutale aggressione avvenuta nella notte del 31 luglio sul Lungomare Falcomatà ai danni di un ragazzo, accerchiato e ripetutamente colpito con calci, pugni e persino con un casco.

La vittima, a seguito dello spropositato pestaggio, è stata costretta a ricorrere a cure mediche presso il G.O.M. di Reggio Calabria, riportando lesioni in tutto il corpo.

Con i provvedimenti, è stato vietato ai giovani  l’accesso all’interno dei locali per la vendita e somministrazione di alimenti e bevande nonché nei pubblici esercizi insistenti su tutto il Lungomare Falcomatà di questo centro e di stazionarci nelle immediate vicinanze, per periodi che vanno da sei mesi a due anni (in base alla gravità delle azioni messe in atto dai responsabili).

L’individuazione dei soggetti è stata possibile grazie alla minuziosa ricostruzione delle varie fasi della feroce aggressione.

ROCCELLA I. (RC) – Doppio sbarco di migranti, arrivati in 140 nel porto di Roccella

Non si fermano gli sbarchi di migranti nel porto di Roccella Ionica in provincia di Reggio Calabria. Dopo gli ultimi arrivi dei giorni scorsi, che hanno visto sbarcare sulle coste reggine un totale di 400 migranti, questa mattina si sono succeduti due sbarchi nel porto roccellese, che ha accolto altri 140 profughi di origine, prevalentemente siriana, iraniana, irachena ed egiziana. Nel gruppo anche tantissime donne, tra le quali una in stato di gravidanza, e bambini anche piccolissimi.

Prima di esser intercettati e soccorsi dalla Guardia di Finanza di Vibo Valentia e Roccella Ionica in mare a largo delle coste calabresi, i migranti si trovavano su di imbarcazioni a vela, partite entrambe dalla Turchia nei giorni scorsi.

Con questo è salito a 48 il numero di sbarchi avvenuti nel solo porto roccellese dagli inizi del 2022.

CALABRIA – Volo salvavita “Roma – Lamezia – Roma”, trasportato d’urgenza bimbo di 11 mesi

È accaduto questa notte, intorno alla mezzanotte circa, un bambino di soli 11 mesi è stato trasportato d’urgenza all’ospedale  Pediatrico “Bambino Gesù” di Roma.

Il volo salvavita è stato effettuato dal velivolo dell’Aeronautica Militare ‘Falcon 900‘, su disposizione della Prefettura di Catanzaro e dalla Sala Situazioni di Vertice del Comando della squadra Area dell’Aeronautica Militare, che tra i vari compiti, si occupa anche di coordinare questo genere di attività a favore della popolazione civile su tutto il territorio nazionale.

Il mezzo è partito da Roma, dall’aeroporto di Campino.

Dopo esser giunto in Calabria all’aeroporto di Lamezia Terme, ha imbarcato il piccolo di 11 mesi in pericolo di vita, la mamma del bimbo e l’intera equipe medica, quest’ultima ha garantito un monitoraggio continuo durante il trasporto aereo.

Il velivolo è, quindi riatterrato all’aeroporto di Ciampino circa un’ora dopo, consentendo il ricovero del piccolo paziente all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma.