REGGIO – Covid, G.O.M.: un decesso nelle ultime 24 ore

La Direzione Aziendale del G.O.M. di Reggio Calabria comunica che, nelle ultime ventiquattro ore, si è registrato un decesso in Terapia Intensiva.
Si tratta di una donna di 90 anni, vaccinata, con altre patologie concomitanti all’infezione da Covid-19.
La Direzione esprime sincere condoglianze ai familiari della signora a nome di tutto l’ospedale.

Nella giornata di oggi sono stati 97 i soggetti sottoposti allo screening per CoViD-19. Sei di questi sono risultati positivi.
In seguito a 3 ricoveri e 2 dimissioni, sono 12 i pazienti positivi al CoViD-19 ricoverati al G.O.M.: 2 nell’Unità Operativa di Malattie Infettive, 5 in Pneumologia, 4 in reparto multidisciplinare, 1 in Ostetricia e Ginecologia e nessuno in Terapia Intensiva.

I pazienti finora accolti dal G.O.M. sono 3.666 (di questi, 6 hanno avuto un doppio ricovero per un totale di 3.672 ricoveri).
I pazienti deceduti sono 817.
I pazienti clinicamente guariti sono 2.368.
I pazienti trasferiti ad altro ospedale sono 469.

La Direzione del G.O.M. continua a raccomandare il rispetto delle misure di prevenzione del contagio, di tenere comportamenti sociali responsabili a tutela della salute di tutti nonché di aderire consapevolmente alla campagna vaccinale nazionale.
Per info. o in caso di sintomi sospetti contattare il numero Verde 1500 ministeriale.
Per info. sulla campagna vaccinale regionale contattare il Numero Verde 800 00 99 66 della Regione Calabria.

COVID-19 – Bollettino regione Calabria (+473 positivi rispetto a ieri)

In Calabria, ad oggi, il totale dei tamponi eseguiti sono stati 3739624 (+3.329).

 

Le persone risultate positive al Coronavirus sono 549698 (+473) rispetto a ieri.

 

Questi sono i dati giornalieri relativi all’epidemia da Covid-19 comunicati dai Dipartimenti di Prevenzione delle AA.SS.PP. della Regione Calabria.

 

Territorialmente, dall’inizio dell’epidemia, i casi positivi sono così distribuiti:

 

– Catanzaro: CASI ATTIVI 2488 (22 in reparto, 5 in terapia intensiva, 2461 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 91117 (90740 guariti, 377 deceduti).

 

– Cosenza: CASI ATTIVI 31565 (64 in reparto, 1 in terapia intensiva, 31500 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 124738 (123446 guariti, 1292 deceduti).

 

– Crotone: CASI ATTIVI 433 (16 in reparto, 0 in terapia intensiva, 417 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 54609 (54349 guariti, 260 deceduti).

 

– Reggio Calabria: CASI ATTIVI 1897 (14 in reparto, 0 in terapia intensiva, 1883 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 187583 (186728 guariti, 855 deceduti).

 

– Vibo Valentia: CASI ATTIVI 799 (10 in reparto, 0 in terapia intensiva, 789 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 47628 (47442 guariti, 186 deceduti).

 

L’ASP di Cosenza comunica: ” Nel setting fuori regione si registrano 2 nuovi casi a domicilio”.

Sette gli arresti eseguiti in una settimana dagli Agenti dell’UPGSP di Reggio Calabria

La capillare presenza sul territorio cittadino delle Volanti consente di svolgere quotidianamente servizi di controllo del territorio finalizzati a garantire il più possibile la prevenzione e la repressione della criminalità diffusa. Nei giorni scorsi, il personale dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico ha eseguito una serie di arresti in particolare per furto aggravato.

Due le donne di nazionalità italiana, di 28 e 24 anni, arrestate nella flagranza di furto continuato aggravato, trovate in possesso di vari capi di abbigliamento rubati da alcuni negozi del centro città e nascosti in una borsa modificata, già privi dei dispositivi di sicurezza antitaccheggio.

Il terzo arresto delle Volanti è avvenuto nei pressi di un supermercato reggino, il fermato è un cittadino turco di 19 anni, trovato in possesso di generi alimentari trafugati con la complicità di una donna di nazionalità rumena che è stata denunciata in stato di libertà.

Nuovamente un furto in un supermercato ed ennesimo arresto operato dalle Volanti di uno dei responsabili, un cittadino rumeno di 20 anni il quale, con la complicità di tre donne che sono tutt’ora ricercate, si è impossessato di generi alimentari per un valore di circa 500 euro. Quanto rubato è stato recuperato dagli Agenti della Polizia di Stato  e riconsegnato al direttore del supermercato.

Altri due arresti sono stati eseguiti in flagranza di reato di furto aggravato. Gli arrestati, due cittadini georgiani di 33 e 47 anni, senza fissa dimora, sono stati fermati dopo aver danneggiato alcune auto in sosta in centro città ed essersi impossessati vari effetti personali custoditi nella autovetture.

L’ultimo arresto è stato operato a seguito dei reati di resistenza, minaccia, violenza e lesioni a Pubblico Ufficiale, commessi da un reggino di 26 anni, trovato fuori dalla sua abitazione in orario notturno, in violazione alle prescrizioni derivanti dalla misura di prevenzione cui è sottoposto. L’uomo per evitare il controllo di polizia ha opposto resistenza agli operatori della Volante, procurando loro lesioni.

PALMI – I Carabinieri arrestano 30enne per detenzione e coltivazione illecita di sostanze stupefacenti: rinvenute piantagioni ci circa 800 piante di cannabis.

A Palmi, i carabinieri unitamente ai militari dello squadrone eliportato Cacciatori “Calabria”, hanno arrestato un 30enne, per detenzione e coltivazione illecita di sostanze stupefacenti.

L’attività di polizia giudiziaria, s’inserisce nella più ampia opera di contrasto posta in essere dai militari dell’Arma contro lo spaccio di sostanze stupefacenti, intensificata dai militari dell’Arma durante la stagione estiva nelle zone più impervie dell’Aspromonte, che ben si adattano alla coltivazione di cannabis.

Nello specifico, le piantagioni rinvenute dai carabinieri, in località ricadenti nei comuni di Delianuova e Oppido Mamertina, compresa la frazione di Castellace, contano circa 800 piante di cannabis nel complesso.

Nella circostanza, i militari hanno proceduto ad estirpare la vegetazione, la maggior parte della quale è stata distrutta sul posto, previa campionatura di una parte che è stata sequestrata per i successivi accertamenti di natura tossicologica.

Il contrasto ai reati in materia di stupefacenti continua ad essere una priorità per i Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria. Un vero e proprio business che non conosce confini né latitudini e che coinvolge persone di ogni età, genere e ceto sociale.

Il contrasto allo spaccio di ogni tipologia di stupefacente continuerà ad oltranza, perché la droga rappresenta una delle principali forme di arricchimento della criminalità e costituisce una grave minaccia per la salute.