SAN FERDINANDO (RC) – Ragazza di 30 anni segregata e maltrattata dall’intera famiglia, arrestati 

I Carabinieri della Compagnia di Gioia Tauro hanno tratto in arresto un intero nucleo familiare per maltrattamenti in famiglia.

In manette sono finiti il padre e la madre, cl. 65, nonché due figlie cl. 95 e 2003, tutti ritenuti gravemente indiziati di aver compiuto maltrattamenti nei confronti di una terza figlia, cl. 92.

Le indagini, condotte dal giugno di quest’anno, hanno rilevato numerosi episodi nei quali la vittima era costretta a subire pesanti minacce, ingiurie ed aggressioni fisiche gratuite, con condotte tese alla totale sopraffazione.

In aggiunta, la donna veniva costretta a vivere in una stanza degradata, priva di pavimento, con la serranda rotta, in gran parte umida sui muri e con all’interno anche materiale normalmente riposto in un magazzino, quali una bicicletta, secchi della spazzatura, scale e attrezzi di lavoro. All’esterno della porta, inoltre, era presente un lucchetto, unico presente rispetto alle altre porte interne all’abitazione.

La vittima, con un lieve deficit cognitivo, veniva spesso svegliata la notte senza motivo, costretta ad alzarsi prestissimo e ad effettuare le pulizie domestiche, venendo apostrofata in continuazione con insulti ed epiteti profondamente offensivi, minacciata di morte e rimproverata senza motivo.

In alcune circostanze, la povera ragazza -che, a volte si domandava e domandava ai familiari il motivo di tanta violenza fisica e verbale- era percossa senza nemmeno una causa scatenante, con una rabbia incomprensibile, ancor più perché posta in essere da genitori e sorelle in un luogo -la casa- che avrebbe dovuto offrire riparo e protezione.

L’Autorità Giudiziaria di Palmi, ricevuta l’informativa dei militari della Sezione Operativa della Compagnia Carabinieri, emetteva in poco tempo quattro misure di custodia cautelare in carcere -tutte eseguite- nei confronti dei genitori e delle due sorelle della donna.

Il procedimento si trova ancora nella fase delle indagini preliminari e non si escludono sviluppi -anche in positivo- nei confronti delle persone ritenute gravemente indiziate.

REGGIO – UILPA: Igiene agli uffici giudiziari del Cedir, solo un utopia

Continua la “telenovela” targata CEDIR dove, da diverso tempo perdura la chiusura della maggior parte dei servizi igienici dei diversi piani in larga parte utilizzati degli uffici giudiziari. A denunciarlo è Patrizia Foti – Segretario Generale Territoriale della UILPA e Vice Coordinatore Nazionale UILPA Giustizia.

Ciò comporta – prosegue Foti – un conseguente disagio e condizioni di invivibilità e di incolumità per la salute dei singoli dipendenti del settore giustizia e degli avventori. L’inverno è arrivato ed è entrato prepotentemente alle nostre latitudini, i contagi COVID fanno ancora capolino sui luoghi di lavoro, così come le precarie condizioni di salubrità; L’edilizia giudiziaria: una vera saga che dura da decenni con un copione già scritto da autori probabilmente colpiti dal blocco dello scrittore.

A nulla sono valse le innumerevoli richieste di incontro e i solleciti trasmessi ai massimi vertici istituzionali – l’ultimo lo scorso 12 dicembre.

Dopo anni – chiosa Foti – tutto è fermo al prepandemia e ancora non riusciamo a comprendere quali siano le difficoltà ostative che impediscono la risoluzione della questione edilizia giudiziaria e l’adozione dei provvedimenti imprescindibili ed indifferibili per il ripristino della funzionalità  dei servizi igienici  nei locali  degli uffici giudiziari del Cedir, così come il completamento del nuovo palazzo di giustizia, per il quale è doveroso ricordare la firma del protocollo di intesa tra Ministero della Giustizia e Comune di Reggio Calabria.

Oggi – conclude Foti – è arrivato il momento di agire e mettere in atto tutte quelle prerogative sindacali necessarie alla difesa dei diritti dei lavoratori sollecitando il coinvolgimento di tutte quelle parti che hanno il potere di sciogliere il nodo dell’edilizia giudiziaria reggina.

Polfer Calabria – Festività natalizie, resoconto delle attività svolte: controlli, ispezioni e sanzioni 

3.964 persone controllate, di cui 536 con precedenti di polizia, 103 veicoli ispezionati e 3 sanzioni amministrative elevate: questi i risultati conseguiti nell’ambito dell’attività del Compartimento Polizia Ferroviaria per la Calabria nelle Festività Natalizie, durante il periodo che va dal 23 dicembre 2022 all’8 gennaio 2023.

Sono stati effettuati specifici controlli nelle stazioni ferroviarie con 360  pattuglie impegnate, di cui 51 a bordo treno.

L’attività è stata espletata con l’impiego di operatori in uniforme ed in abiti civili, che hanno fatto ricorso anche all’uso di metal detector e di unità cinofile per aumentare i livelli di sicurezza e prevenzione.

REGGIO – Prima festa regionale della Polizia Locale: il 20 gennaio la cerimonia e poi la celebrazione in Duomo

Il programma dettagliato della giornata, organizzata congiuntamente dai corpi di Polizia Locale della Città Metropolitana e del Comune di Reggio Calabria, sarà illustrato nel corso di una conferenza stampa che si terrà mercoledì 18 gennaio alle 16.30 presso il Comando della Polizia Locale di Reggio Calabria

Si terrà a Reggio Calabria la prima festa regionale della Polizia Locale della Calabria. Appuntamento il prossimo 20 gennaio per una manifestazione di altissimo valore istituzionale che coinvolgerà appunto la città dello Stretto. Il programma prevede, oltre ai saluti istituzionali e la consegna delle onorificenze da parte della Regione Calabria, la deposizione di una corona d’alloro al monumento ai Caduti di tutte le guerre e la commemorazione di tutti i caduti della polizia locale italiana. Sono stati invitati tutti i Corpi di Polizia locale della Regione.

La festa si concluderà con la solenne concelebrazione eucaristica in Duomo, alle ore 11,30, presieduta dall’arcivescovo metropolita Sua Eccellenza Monsignor Morrone. La manifestazione è organizzata congiuntamente dai Corpi di Polizia Locale della Città Metropolitana e dal Comune di Reggio Calabria. È prevista la presenza delle massime autorità regionali e di Sua Eccellenza il Prefetto di Reggio Calabria.

I dettagli della manifestazione saranno illustrati nel corso di una conferenza stampa che si terrà mercoledì 18 gennaio alle 16.30 presso il Comando di Polizia Locale di Reggio Calabria in viale Aldo Moro.

REGGIO – I giovani imprenditori di Confindustria premiano con “L’aquilotto d’oro” Bruno Crucitti

Nella splendida cornice del Casale Tramontana, a Reggio Calabria, Bruno Crucitti, imprenditore di seconda generazione e responsabile qualità della Crucitti Group srl, ha ricevuto “l’Aquilotto d’oro”, quale miglior giovane imprenditore 2022. A consegnare il premio, il Presidente dei Giovani Imprenditori di Confindustria, Salvo Presentino, che ha istituito il premio con il suo consiglio direttivo, e che ha scelto Bruno Crucitti, per le sue doti umane, morali ed imprenditoriali. “Bruno Crucitti, si è contraddistinto, – ha sottolineato Presentino – per le spiccate competenze, partecipando in modo continuativo ai consigli direttivi, agli eventi territoriali, completando egregiamente gli incarichi assegnati e collaborando in maniera fattiva per l’associazione e per il nostro gruppo, segnalandosi nell’anno in corso per progressi con la propria azienda e dando lustro al territorio”.

Bruno Crucitti molto emozionato per questo riconoscimento, ha ringraziato il presidente Salvatore Presentino, i saggi, i colleghi del direttivo e tutto il gruppo dei Giovani Imprenditori di Reggio. “Sono onorato di ricevere questo premio, che rappresenta prima di tutto un riconoscimento per la passione, la dedizione e l’impegno, di tutti i collaboratori della nostra azienda, la Crucitti Group srl. Fare impresa, in un territorio come il nostro, seppur complesso, si può, coniugando la ricerca delle eccellenze in ogni dettaglio, consolidando il forte legame con le proprie radici, diffondendo il principio di legalità, in una visione d’impresa che opera in armonia con l’ambiente, e mette le persone al centro”.

GIOIA T. (RC) – Il porto torna pienamente operativo

Alle 8.25 odierne, con il miglioramento delle condizioni meteomarine, la MSC Elaine è stata condotta in sicurezza all’ormeggio presso la banchina Alti Fondali del porto gioiese.

La Capitaneria di porto di Gioia Tauro, che ha assunto il coordinamento delle operazioni fin dall’incaglio avvenuto nella mattinata di lunedì 9, ha quindi potuto dichiarare conclusa l’emergenza conseguente al sinistro marittimo che aveva ostruito l’imboccatura portuale.

Tornano quindi pienamente regolari le manovre di ingresso e uscita così come le operazioni commerciali dello scalo.

L’Autorità marittima ha già avviato un’inchiesta amministrativa per accertare la dinamica e le cause dell’incidente, anche analizzando le registrazioni acquisite sulla nave che dovrà ora essere sottoposta ad una mirata ispezione subacquea per la verifica dei danni subiti.

CNDDU: Iniziative per la Giornata internazionale dell’educazione 2023

In occasione della Giornata internazionale dell’educazione, istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 3 dicembre 2018, con risoluzione A/RES/73/25, il Coordinamento Nazionale docenti della disciplina dei diritti umani intende sottolineare l’importanza della formazione intesa soprattutto come processo di accrescimento ed evoluzione della propria consapevolezza civica in funzione della cittadinanza responsabile e della convivenza pacifica tra i popoli.

Indubbiamente la cultura interpretata soltanto come travaso di “contenuti” non può bastare per proteggere l’uomo dalla crudeltà e dalla ferocia di alcuni suoi simili; pertanto è opportuno cercare di veicolare il più possibile “valori” per sostanziare di umanità le idee e le azioni delle future generazioni.

Educare significa intraprendere un percorso di crescita comune, emozionante per insegnanti e studenti. Educare significa trasmettere e comunicare. Educare significa insegnare la bellezza della responsabilità e l’importanza del ruolo di ciascuno di noi all’interno della comunità mondo.

Attualmente, secondo alcune stime, 617 milioni di bambini e adolescenti non sanno leggere e fare matematica di base; a malapena il 40% delle giovani africane subsahariana termina la scuola secondaria inferiore; mentre invece 4 milioni di rifugiati adolescenti non possono frequentare la scuola.

Senza un’istruzione di qualità che sia accessibile ed equa difficilmente l’uguaglianza di genere e la prosperità economica potranno affermarsi nel mondo e verranno abbandonati alla deprivazione culturale menti che potrebbero contribuire al progresso dell’umanità.

Educare in definitiva significa valorizzare le differenze che non condizionino però le scelte e il futuro delle persone; educare significa rifiutare ogni forma di compromesso con la violazione dei diritti delle persone per vivere in uno Stato democratico e civile.

A tal proposito, il CNDDU intende segnalare un’iniziativa didattica dall’alto spessore civico, proposta dall’ISI “Pertini” di Lucca, dirigente prof.ssa Daniela Venturi, con l’adesione del Liceo scientifico “Filolao” di Crotone, dirigente prof.ssa Maria Rosa Iaccarino, e dell’Istituto Tecnico Economico “Mossotti” di Novara, dirigente prof. Gianluca Barreca, il cui ospite d’onore sarà il magistrato Leonardo Guarnotta, segretario generale della Fondazione “Giovanni Falcone”, già componente del pool antimafia con Giovanni Falcone e Paolo Borsellino ed ex presidente del tribunale di Palermo. Il quale incontrerà online gli studenti dell’ISI “Pertini” di Lucca, del Liceo scientifico “Filolao” di Crotone e dell’Istituto Tecnico Economico “Mossotti” di Novara per dialogare sui grandi temi della responsabilità individuale e collettiva e sull’importanza del rispetto delle norme giuridiche condivise soprattutto ai fini della conoscenza del fenomeno mafioso.

L’incontro che costituisce una tappa significativa per sviluppare nuove forme di collaborazione tra studenti e istituzioni, si svolgerà giorno 12 gennaio alle ore 10:30 e prevederà l’uso della piattaforma google meet.

Inoltre occasione della giornata, il CNDDU invita, anche quest’anno, tutti i docenti a voler condividere le loro esperienze di educazione alla pace ed allo sviluppo sostenibile per favorire le relazioni pacifiche tra pari e la soluzione dei conflitti con atteggiamenti di nonviolenza attiva; propone altresì la produzione di fumetti o vignette in cui gli studenti possano rappresentare le emozioni che caratterizzano il conflitto e quelle che invece si provano di fronte alla soluzione che risolve il conflitto, affinché il confronto prima-dopo possa costituire spunto di riflessione ed affinare la più potente arma di pace: il pensiero.

Docenti e genitori, invero, condividono una grande responsabilità, quella di educare i giovani ossia aiutarli a tirar fuori e mettere in atto le buone inclinazioni dell’animo umano che già possiedono per diventare consapevoli attivisti per i diritti umani, per la pace e per lo sviluppo sostenibile.

CASTROVILLARI (CS) – Appartamento in fiamme, donna salvata dai poliziotti e dai Vigili del Fuoco

Nella tarda serata di ieri, 9 gennaio 2023, la Volante del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Castrovillari (CS), a seguito di segnalazione giunta sul numero di emergenza “113”, si è recata presso un’abitazione in fiamme, sita in via dell’Agricoltura di detto Centro, unitamente ad una Squadra dei Vigili del Fuoco, precedentemente avvisata.

Sul posto gli operatori sono stati subito allertati dalle urla di una donna provenire da un appartamento sito al primo piano dell’edificio. In effetti, la donna terrorizzata, si era rifugiata all’interno della sua camera da letto dalla quale non poteva uscire a causa delle fiamme che avevano ormai interessato tutta l’abitazione. I Vigili del Fuoco sono riusciti a trarre in salvo in pochissimi istanti la donna sottraendola alle fiamme, affidandola poi agli operatori di polizia che l’hanno portata in strada in un luogo sicuro. Successivamente è stata consegnata alle cure del personale medico del 118 e trasportata presso il locale nosocomio per le cure del caso, non in pericolo di vita. Le fiamme sono state domate dai Vigili del Fuoco e lo stabile messo in sicurezza.

REGGIO – Fare turismo in Calabria con metodo e competenza

Il Consiglio regionale approva le modifiche alla Legge 8/2008 sull’Organizzazione turistica regionale.

  Verso un metodo di turismo fatto con merito e competenze. Il Consiglio regionale della Calabria, su proposta del Presidente del Gruppo UDC Giuseppe Graziano, ha approvato nella seduta odierna la modifica al testo della legge regionale 8/2008 Sull’Organizzazione turistica regionale. Per la prima volta, nella gestione manageriale delle aziende che offrono turismo, viene introdotta una figura professionalizzata, quella del direttore tecnico di agenzia di viaggio e turismo. Non solo, vengono indicati e meglio circoscritti i criteri di rilascio dell’abilitazione all’esercizio professionale e indicate regole chiare per chiunque, avendone i requisiti, svolge questa attività.

È quanto fa sapere lo stesso consigliere regionale Giuseppe Graziano, promotore e relatore della proposta di modifica alla normativa sull’organizzazione turistica vigente in Calabria.

«Per fare turismo in Calabria – dice Graziano – non bastano le bellezze che la storia e la natura ci hanno consegnato. Il turismo, tra le tante, è una delle sfide strategiche più importanti per la nostra regione che vede impegnato, anche in questo caso ed in prima linea, il governatore Roberto Occhiuto, con una visione chiara, attenta e innovativa di questo delicato settore. È stato proprio il Presidente a ricordarci che per realizzare una vera economia turistica è necessario che questo patrimonio venga promosso e raccontato. Ma prima di questi due essenziali passaggi – precisa il Consigliere regionale – occorre un cammino di consapevolezza che porti alla conoscenza e da lì ad un approccio tecnico e scientifico del racconto. Oggi la fruizione dei beni naturalistici, culturali e artistici della nostra regione è affidata alla buona volontà degli operatori del settore. Serve di più. Occorre metodo e competenza. Avevamo un quadro normativo – precisa Graziano – la L.reg. 8/2008, ormai antico e fuori dal contesto legislativo nazionale. Lo abbiamo rivisto e aggiornato in modo da poter introdurre nella gestione delle imprese del turismo, figure professionali che abbiamo acquisito un background di conoscenza e capacità nella promozione del territorio. Una minuziosa e attenta modifica alla legge regionale voluta pensando ai tanti giovani calabresi che attraverso i loro studi accademici hanno affinato le tecniche del marketing turistico mettendole, però, a disposizione di altre realtà regionali, dove l’organizzazione di questo settore richiede più professionalità. Da oggi – conclude Graziano – anche la Calabria si adegua al quadro normativo nazionale e, di fatto, apre le porte della regione a tanti giovani calabresi che vogliano ritornare a casa cimentandosi nella gestione dell’impresa turistica con metodo e competenza». 

REGGIO – Distrutta da incendio clinica veterinaria in zona Ravagnese

Una clinica veterinaria che si trovava locata in via Ravagnese e si erigeva per tre piani, è andata distrutta in un incendio divampato questa notte, intorno alle ore 01.00 circa.

Materiali ed apparecchiature sono stati completamente distrutti, mentre i piani superiori sono stati coinvolti in parte dalle fiamme.

Sul posto sono intervenuti prontamente i Vigili del Fuoco del comando provinciale di Reggio Calabria, che hanno tentato di domare le fiamme. Anche il nucleo Nbcr dei VVF ha preso parte alle operazioni, per valutare e verificare le fonti di sorgenti radioattive che vengono utilizzate per le radiografie degli animali.

Le operazioni si sono concluse, solo, nella mattinata odierna.

Le cause e le dinamiche che hanno portato all’incendio, sono ancora in corso di accertamento.