CALABRIA – Dimensionamento scolastico: la Giunta approva 7 ulteriori autonomie, Princi: “La Calabria per l’anno 2024-25 ne avrà in totale 288”

La Giunta della Regione Calabria, nella riunione odierna, su proposta della vice presidente con delega all’istruzione, Giusi Princi, recepite integralmente, nei tempi previsti, le delibere delle Province e della Città metropolitana di Reggio Calabria relative alle integrazioni al piano di dimensionamento regionale, già approvato con Dgr 719/23, ai sensi del decreto Milleproroghe dello scorso 30 dicembre, ha deliberato l’assegnazione di ulteriori 7 autonomie scolastiche per l’anno 2024/2025.

Le nuove autonomie risultano così distribuite: 1 alla Provincia di Catanzaro; 2 alla Provincia di Cosenza; 1 Provincia di Crotone; 1 alla Provincia di Vibo Valentia; 2 alla Città Metropolitana di Reggio Calabria.

“Le autonomie aggiuntive – spiega la vice presidente Princi –, preso atto del parere dell’Ufficio scolastico regionale e delle rispettive delibere di modifica del piano di dimensionamento scolastico delle quattro Province e della Città metropolitana di Reggio Calabria, sono state individuate sulla base della consistenza della popolazione studentesca e non incide sul contingente organico assegnato alla Regione. Con lo stesso atto deliberativo si dispone, tra l’altro, di approvare la programmazione dell’offerta formativa per l’anno scolastico 2024/2025 a seguito della non attivazione dell’indirizzo ‘Servizi culturali e dello spettacolo’ presso l’Ipsia ‘A.M. Barlacchi’ e l’attivazione del Centro provinciale per l’istruzione degli adulti (Cpia) di Botricello, compatibilmente con l’assegnazione della dotazione organica. Nello specifico le autonomie assegnate sono 51 a Catanzaro, 108 a Cosenza, 30 a Crotone, 22 a Vibo Valentia, 77 alla Città metropolitana di Reggio Calabria. Pertanto, complessivamente le autonomie per la nostra regione sono 288. l’incremento – specifica infine la vice presidente Princi – non comporterà aumento di organico dei dirigenti o dei direttori amministrativi ed è limitato al solo anno scolastico 2024/2025”.

REGGIO – Il Bergamotto ottiene riconoscimento Igp

«Salutiamo con grande gioia, entusiasmo e soddisfazione l’approvazione, da parte del Ministero dell’Agricoltura, del riconoscimento di indicazione geografica protetta (Igp) – e del relativo disciplinare di produzione – per il bergamotto di Reggio Calabria. E’ un successo che riscatta l’oro verde della Città Metropolitana, dopo anni di abusi e indebite appropriazioni. Il bergamotto, ufficialmente, è solo di Reggio Calabria». Così, il consigliere metropolitano delegato alle Attività produttive, Domenico Mantegna, commenta la decisione del dicastero di via XX settembre che, «dopo un’istruttoria durata oltre due anni, si è espresso in favore di un diritto legittimo».

«In questo contesto – ha precisato Mantegna – va sottolineato il lavoro, costante, infaticabile e certosino, del “Comitato promotore per il Bergamotto di Reggio Calabria Igp e la sua tutela e valorizzazione”, presieduto dall’agronomo Rosario Previtera, cui va il mio ringraziamento che si estende agli oltre 300 operatori tra coltivatori, trasformatori e associazioni, che fanno parte di questa splendida realtà».

«Dentro l’Igp – ha continuato il delegato metropolitano – rientrano anche quanti sono stati esclusi dal riconoscimento “Dop” per l’olio essenziale del bergamotto, grazie ad un disciplinare che ne contempla produzione e trasformazione solo all’interno dell’area geografica individuata, compresi i derivati del ciclo agroalimentare e del food. L’area di produzione, dunque, arriva a 50 Comuni della Città metropolitane per un’estensione territoriale che va da Villa San Giovanni ed arriva fino a Monasterace. E’, dunque, un successo di tutti e per tutti».

«La filiera reggina – ha concluso Domenico Mantegna – in forza del riconoscimento da parte del Ministero e dell’opera lodevole e fondamentale portata avanti dal Comitato, è ora ampiamente tutelata. Sulle etichette dei prodotti che si comporranno di elementi derivati dal bergamotto comparirà il riferimento a Reggio Calabria ed al suo comprensorio, salvaguardando il consumatore da ogni produzione diversa e che abbassa prezzi e qualità sul mercato. La strada è quella giusta. Adesso, bisogna continuare a spingere per rilanciare un’unicità che è fatica, sudore e stigma della nostra gente e dei nostri bergamotteti».

REGGIO – Sport, Aguzzoli: “La Myenergy ha un pubblico emozionante”

La Myenergy Viola lavora in vista di una delle sfide più complicate del girone di ritorno
Domenica, alle ore 18, i neroarancio saranno ospiti del Palalberti, impianto che ospita, con un numero importante di spettatori, le gesta della neopromossa Barcellona 4.0.
Come sta andando, lo abbiamo chiesto a Thomas Aguzzoli, atleta importante ed in crescita continua dello scacchiere neroarancio.

“Sta andando molto bene sia dentro che fuori dal campo.
Posso dire tranquillamente che siamo una vera e propria famiglia.
Non conoscevo tutti i miei compagni di squadra ma non mi aspettavo il primo posto, mi aspettavo di far bene ma non il primo posto in classifica. Sarà tosta confermarci ma ci proveremo”

Coach Cigarini?

“Pur essendo di Reggio Emilia come me, non lo conoscevo prima.
Ho fatto qualche “chiamata” per informarmi prima.”

Stagione importante e sempre “sul pezzo” per te. Progetti per il futuro?

“Non ci penso spesso.
Amo giocare partita per partita.
Voglio godermi il momento trovando stimoli attimo dopo attimo.
La classifica è corta, basta un passo falso per rovinare tutto, occorre la giusta mentalità”

Cosa più bella di Reggio Calabria fin’ora?

“Il pubblico, senza ombra di dubbio. Emozionante giocare al Palacalafiore, un’atmosfera esaltante e coinvolgente: i nostri tifosi riescono a darci la carica giusta così come, sono presenti ed impattanti anche lontano da casa”.

REGGIO – Castorina: “Dal primo ottobre attivo biglietto unico integrato con Messina, ora si convochi consiglio comunale aperto sul Tito Minniti, necessaria chiarezza sul futuro”

« E’ ora mai in fase di preparazione la convenzione che porterà all’attivazione del biglietto unico integrato nell’area dello Stretto dal prossimo 1 ottobre. Tramite questo tagliando si potrà per arrivare dal porto di Messina all’aeroporto di Reggio nel tentativo di aggredire l’offerta turistica e comunque le esigenze che vengono dalla Sicilia rispetto alla necessità di collegarsi con il resto del mondo »
È quanto afferma l’Avv Antonino Castorina, consigliere Comunale di maggioranza a Palazzo San Giorgio
“Rispetto a questo se è già in discussione al tavolo ministeriale per l’integrazione dei Trasporti nell’area dello Stretto la richiesta al governo della compensazione dei costi, suddivisa tra i tre attori e proporzionata ai prezzi nell’auspicio che si possano calmierare i costi connessi al servizio dall’altro lato è del tutto evidente che non solo bisogna fare un passo avanti rispetto alla spesa prevista dall’emendamento proposto dall’On. Francesco Cannizzaro ma anche su quello che è il progetto di rilancio del Tito Minniti”
In questi anni prosegue Castorina si è parlato sotto tutti i punti di vista di quello che può essere il futuro del nostro scalo ma oggi vi è la necessità di mettere tutti attorno ad un tavolo della massima assise comunale che è la giusta sede preposta per tracciare una linea politica chiara con tutti su quello che si vuole e si deve fare.
Ho scritto nuovamente al Presidente del Consiglio Comunale ed al Sindaco conclude Castorina per mettere in calendario un consiglio comunale aperto con un unico punto all’ordine del giorno che è l’Aeroporto.
Su questo non solo serve fare chiarezza insieme alla regione ed al governo ma è anche un atto dovuto per l’intera città che guarda con difficoltà il fatto che gli spostamenti da Reggio Calabria e per Reggio Calabria vivono da troppo tempo difficoltà e prezzi altissimi.