REGGIO – Il 25 maggio saranno inaugurati i nuovi locali della Neuroradiologia del GOM

Il 25 maggio verranno inaugurati i nuovi locali della U.O.C. Neuroradiologia del Grande Ospedale Metropolitano di Reggio Calabria.

L’implementazione tecnologica, derivata all’acquisizione di macchinari di ultima generazione, schiude nuove frontiere della diagnostica delle malattie del sistema nervoso, del distretto testa-collo e del rachide. La nuova Risonanza Magnetica, dotata di campo magnetico da 3 Tesla, unicum nelle strutture pubbliche calabresi, fornendo immagini con risoluzioni di contrasto e dettagli molto elevati, permette un’approfondita accuratezza di diagnosi in patologie quali sclerosi multipla, epilessia e malattie degenerative.

La possibilità di eseguire tecniche avanzate come la perfusione, la spettroscopia e la trattografia consente un’ottimizzazione degli studi sui tumori cerebrali, sia nella diagnosi che nei follow up post-operatori.

La nuova TAC da 640 strati, con tecnologia a volume dinamico, consente di ridurre drasticamente i tempi diagnostici e di abbreviare l’esposizione alle radiazioni nonché i dosaggi del mezzo di contrasto. In ambito  neurologico, l’apparecchiatura amplifica il ruolo della TC, in particolare per l’alta qualità delle indagini angiografiche nella diagnosi e nel follow-up delle stenosi carotidee, nelle malformazioni arterovenose e negli aneurismi, nonché nella valutazione del rischio di ictus.

La UOC di Neuroradiologia, diretta dal Dr. Antonio Armentano, attraverso l’acquisizione di software d’intelligenza artificiale, è in grado di rispondere celermente e accuratamente alle esigenze di diagnostica e terapia in malati oncologici o affetti da malattia demielinizzante. In questi pazienti, si potrà valutare con maggiore precisione la progressione o meno della malattia e così modulare al meglio la terapia.

Con queste importanti innovazioni, il G.O.M. si pone all’avanguardia quale centro di rifermento meridionale per la diagnosi e la terapia nell’ambito delle neuroscienze, offrendo risposte adeguate alle esigenze dei pazienti calabresi.

COSENZA – Controlli e perquisizioni: un arresto per detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio

Le attività di controllo, nell’ambito dei cosiddetti servizi “Alto Impatto,  hanno comportato l’impiego di un significativo dispiegamento interforze sul territorio, attraverso la presenza congiunta della Polizia di Stato, dei militari dell’Arma dei Carabinieri,  della Guardia di Finanza, delle unità del Reparto Prevenzione Crimine “Calabria Settentrionale” della Polizia di Stato,  di specialisti delle varie Forze di Polizia  nonché delle Polizie locali competenti.

Nella giornata di ieri, personale della Polizia di Stato ha eseguito, nell’ambito di detti servizi, decisi in sede di Riunione Tecnica di Coordinamento presieduta dal Prefetto di Cosenza dr.ssa Vittoria Ciaramella e predisposta in sede di tavolo tecnico dal Questore della Provincia di Cosenza dr. Giuseppe Cannizzaro, d’intesa con i Comandanti Provinciali dell’Arma dei Carabinieri Col. Agatino Saverio Spoto e della Guardia di Finanza Col. Giuseppe Dell’Anna, un arresto in materia di sostanze stupefacenti.

Nel corso di tali servizi, personale della Squadra Mobile  e della Squadra Volante, coadiuvati dal Reparto Prevenzione Crimine Calabria Settentrionale, traevano in arresto una persona poiché trovata in possesso di sostanza stupefacente del tipo hascisc e di altro materiale strumentale allo spaccio.

In particolare, mentre i poliziotti palesavano il controllo presso l’abitazione dell’uomo, lo stesso repentinamente si affacciava dal balcone retrostante lanciando un involucro .

Agli Agenti che presidiavano quel lato dello stabile, non sfuggiva il gesto dell’uomo e, una volta recuperato l’oggetto, constatavano che si trattava di sostanza stupefacente del tipo hascisc, del peso di circa 30,5 grammi.

Il prosieguo della perquisizione all’interno dell’appartamento permetteva di rinvenire un bilancino elettronico di precisione ed altri oggetti utilizzati nell’attività di confezionamento della sostanza  stupefacente in dosi.

Espletate le formalità di rito, l’uomo veniva tratto in arresto e successivamente tradotto presso la locale Casa Circondariale.

Il tutto si comunica nel rispetto del diritto degli indagati (da ritenersi presunti innocenti in considerazione dell’attuale fase del procedimento fino a un definitivo accertamento di colpevolezza con sentenza irrevocabile) al fine di garantire il diritto di cronaca.

REGGIO – ‘Ndrangheta, confiscati ad imprenditore immobili, terreni per un valore complessivo di 2,7 milioni di euro

Militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria e personale della Polizia di Stato, con il coordinamento della locale Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia, diretta dal Dott. Giovanni Bombardieri, stanno dando esecuzione, a Reggio Calabria e Catanzaro, ad un provvedimento emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Reggio Calabria che dispone l’applicazione della misura di prevenzione patrimoniale della confisca su compendi societari, beni immobili, mobili registrati, denaro contante e disponibilità finanziarie – per un valore complessivamente stimato in 2,7 milioni di euro – riconducibili ad un imprenditore reggino operante nel settore del commercio all’ingrosso di prodotti alimentari.

L’elevato profilo criminale dell’imprenditore era emerso nell’operazione “IL PADRINO”, nel cui ambito il proposto è stato condannato, in via definitiva, alla pena di 8 anni di reclusione per il reato di associazione di stampo mafioso in ragione dell’appartenenza alle articolazioni territoriali della ‘ndrangheta denominate “cosca DE STEFANO” e “cosca TEGANO”.

Il quadro di pericolosità sociale dell’imprenditore – allo stato del procedimento e fatte salve successive valutazioni in merito all’effettivo e definitivo accertamento delle responsabilità – era emersa altresì nell’operazione “GOTHA”, nel cui ambito è stato condannato, in primo grado, alla pena di mesi dieci di reclusione per minaccia aggravata dal metodo mafioso.

Alla luce delle richiamate evidenze, la locale Direzione Distrettuale Antimafia – sempre più interessata agli aspetti economico-imprenditoriali legati alla criminalità organizzata – ha delegato il G.I.C.O. del Nucleo Polizia Economico Finanziaria, e la Divisione Anticrimine della Questura di Reggio Calabria ed il Gruppo della Guardia di Finanza a svolgere apposita indagine a carattere economico/patrimoniale finalizzata all’applicazione, nei confronti del citato imprenditore, di misure di prevenzione personali e patrimoniali.

L’attività in rassegna, anche valorizzando le risultanze delle pregresse indagini, ha consentito di delineare il profilo di pericolosità sociale qualificata del soggetto e di rilevare, attraverso una complessa e articolata attività di riscontro, anche documentale, il patrimonio direttamente ed indirettamente nella disponibilità del medesimo, il cui valore sarebbe risultato sproporzionato rispetto alla capacità reddituale manifestata.

Alla luce di tali risultanze, la Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Reggio Calabria ha prima disposto il sequestro del patrimonio riferibile al citato imprenditore e, successivamente, riconoscendo la validità dell’impianto indiziario, con il provvedimento in esecuzione ha decretato – allo stato del procedimento ed impregiudicata ogni diversa successiva valutazione nel merito – l’applicazione della misura di prevenzione patrimoniale della confisca dell’intero patrimonio aziendale di 1 società, operante nel settore del commercio all’ingrosso di prodotti alimentari, di 9 terreni, di 3 fabbricati, di 1 autovettura, di oltre 110 mila euro in contanti, nonché di tutti i rapporti bancari e delle relative disponibilità, per un valore complessivamente stimato in 2,7 milioni di euro.

Con il medesimo provvedimento, inoltre, la citata A.G. ha sottoposto l’imprenditore alla misura di prevenzione personale della Sorveglianza Speciale di Pubblica Sicurezza per la durata di anni 3 e mesi 6, con obbligo di soggiorno nel comune di residenza o di dimora abituale.

L’attività di servizio in rassegna testimonia ancora una volta l’elevata attenzione della Guardia di Finanza e della Polizia di Stato, sotto la direzione della Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia, che continua a essere rivolta all’individuazione e alla conseguente aggressione dei patrimoni e delle disponibilità finanziarie illecitamente accumulati dalle consorterie criminali di stampo mafioso, allo scopo di arginare l’inquinamento del mercato e della sana imprenditoria, con l’intento di ripristinare adeguati livelli di legalità, trasparenza e sicurezza pubblica.

REGGIO – Arrestato un 24enne reggino per tentato furto di un’autovettura

Nei giorni scorsi, personale dell’UPGSP della Questura ha arrestato un soggetto, nella flagranza di reato di tentato furto aggravato di un’autovettura.

A seguito di una segnalazione alla Centrale Unica di Risposta, gli Agenti delle Volanti sono intervenuti nella zona nord della città per un furto in atto di autovettura.

Giunti sul posto hanno subito notato un soggetto che usciva frettolosamente da un’autovettura mini car 50, tentando di far perdere le sue tracce, ma è stato prontamente fermato e identificato.

Addosso al 24enne reggino, gravato da numerosi precedenti di polizia, sono stati rinvenuti e sequestrati una pinza e due giraviti, utilizzati per il furto dell’auto che si presentava con un finestrino infranto e la plancia sotto lo sterzo ed il sistema di accensione manomessi.

Dai primi accertamenti svolti dal personale del Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica, all’interno di un vano dell’auto è stato trovato un frammento di giravite compatibile con uno di quelli trovati addosso all’uomo nell’atto della perquisizione.

L’autorità Giudiziaria competente, notiziata di quanto accaduto, ha convalidato l’arresto e disposto che l’uomo fosse sottoposto alla misura degli arresti domiciliari.

CALABRIA – Aziende agricole, in pagamento 40 milioni di euro per domanda unica, biologico e altre misure

Sono circa 40 i milioni di euro in liquidazione in favore delle, attraverso gli ultimi decreti adottati dall’organismo pagatore Arcea, in collaborazione con il dipartimento agricoltura della Regione.

Lo rende noto l’assessorato regionale all’agricoltura, specificando che un importo di oltre 12 milioni di euro è già stato autorizzato per il pagamento del saldo dei contributi della campagna 2023 della Domanda Unica, pari al 100% del premio per il regime di base (titoli) e al 100% degli aiuti accoppiati ed ecoschemi.

Entro fine settimana, inoltre, sono già stati programmati i pagamenti relativi al PSP a sostegno di ulteriori misure, entrambe rientranti nella programmazione 2023/2027: all’Agricoltura biologica (SRA 29) saranno destinati circa 19 milioni e all’Agricoltura integrata (SRA 01) altri 4 milioni di euro.

Sempre nei prossimi giorni, inoltre, sarà effettuato il pagamento di 3.757.281,84 di euro, legato ai contributi sulla programmazione PSR 2014/2022 che saranno distribuiti a 98 beneficiari, di cui settantacinque giovani imprenditori (misure 4.2.1 E 61.1.).

Fra le misure interessate figurano quelle relative agli “Investimenti in aziende agricole in cui si insedia un giovane agricoltore”, gli “Investimenti in infrastrutture”, il “Sostegno allo sviluppo locale Leader” e gli “Investimenti nella trasformazione, commercializzazione e sviluppo dei prodotti agricoli”.

REGGIO – Stanlio e Ollio al teatro Cilea, Perrotta: “È uno spettacolo per grandi e bambini”

Tante risate con Stanlio e Ollio, amici sino all’ultima risata. Ultimo appuntamento della stagione dell’Officina dell’arte di Peppe Piromalli che, sabato sera al teatro “Cilea”, chiuderà uno strepitoso cartellone teatrale. E non potevano mancare big di livello come Federico Perrotta, Valentina Olla, Sabrina Pellegrino e Claudio Insegno.

Stan Laurel e Oliver Hardy non erano semplicemente attori comici, ma sono gli inventori della risata.
“È uno spettacolo per tutti, si divertono e ridono tantissimo grandi e bambini – afferma l’attore Perrotta -. L’unico messaggio che si vuole dare con questo spettacolo è di continuare ad amarli e ridere insieme a loro. È dal 1921 che ci hanno abituati a ridere con le loro facce, le loro cadute, le loro torte in faccia”.
Insieme al team fortissimo che può vantare della brillante scrittura della Pellegrino e della attenta regia di Insegno, sul palco ci saranno anche i bravissimi interpreti Franco Mannella, Giacomo Rasetti e Federica De Riggi, catapultati nei divertenti sketch.
“Tra mogli, amanti, fughe rocambolesche, divorzi e accuse di bigamia: in alcuni momenti sembra davvero una farsa – conclude Perrotta -. Abbiamo così voluto portare in scena una commedia che mescola fatti reali di vita vissuta dai due attori con eventi di pura fantasia, per raccontare la storia di un’amicizia vera durata più di trent’anni. Aspettiamo le famiglie e soprattutto, i bambini per trascorrere insieme due ore di puro divertimento. L’Oda merita di registrare un altro successo perché come noi, crede nei sogni e li realizza”.

CALABRIA – Il Compartimento Polizia Stradale intensifica i controlli con la campagna ROADPOL Truck and Bus

Con l’obiettivo primo di elevare gli standard di sicurezza stradale, armonizzando l’attività di prevenzione, informazione e controllo, anche attraverso campagne di comunicazione e operazioni congiunte, il 19 maggio c.a. il Compartimento Polizia Stradale per la Calabria, con le sue cinque Sezioni Polizia Stradale di Catanzaro, Reggio Calabria, Cosenza, Vibo Valentia e Crotone, ha concluso l’attività ROADPOL, al termine di una settimana dedicata alla campagna cd. Truck and Bus.

Lo scopo è quella di operare un’intensificazione dei controlli, da parte di tutte le Polizie Stradali Europee, dei mezzi pesanti adibiti al trasporto di merci, degli autobus e dei veicoli destinati al trasporto di merci pericolose, sia d’immatricolazione nazionale sia straniera. I controlli sono tesi alla verifica dello stato psicofisico dei conducenti, al rispetto dei limiti di velocità, il rispetto della normativa ADR sul trasporto delle merci pericolose e tutte le altre prescrizioni sull’autotrasporto previste dalla normativa nazionale e comunitaria, quali i tempi di guida, di pausa, di sistemazione del carico e di tutte le altre norme previste dalla disciplina della circolazione e da quelle di settore. All’esito delle attività sono stati controllati 499 veicoli pesanti e 70 autobus, e per 175 veicoli sono scattate sanzioni. Spiccano, in particolare, 51 sanzioni legate alla velocità e 35 per inosservanza della normativa comunitaria relativa ai tempi di guida, di pausa e di riposo. In 7 casi è stata accertata la circolazione in eccedenza di peso. Per un veicolo, poi, è scattata l’intimazione a non proseguire il viaggio, mentre altre 39 sanzioni hanno riguardato l’irregolarità documentale. Nel complesso sono state ritirate 4 patenti di guida e decurtati 202 punti. Le attività proseguono.

REGGIO – Associazione Calabria-Spagna: iniziative 23-24-25 maggio 2024

Nelle giornate di giovedì 23, venerdì 24 e sabato 25 maggio, 2024 in sedi diverse della città si svolgeranno una serie di iniziative promosse dalla Associazione Calabria-Spagna sotto il patrocinio delle Autorità spagnole in Italia e dei più importanti Enti della Città di Reggio Calabria.

Giovedì alle ore 11 presso la Sala “Boccioni” di Palazzo Alvaro avrà luogo l’inaugurazione della mostra Pittorica messicana; il giorno successivo in orario antimeridiano la SSML “Don Domenico Calarco” ospiterà lo scrittore Alberto Cascón Martìn per la presentazione del libro “Los Que Vienen” edito dalla casa editrice YalodijoCasimiroParker in Madrid.

Il venerdì 24 in orario pomeridiano la delegazione spagnola, congiuntamente al sodalizio filospagnolo, sarà ospite del Sindaco di Reggio Calabria per un ricevimento che si concluderà con un concerto nella Sala del Consiglio Comunale attuato dagli allievi del Conservatorio “F.Cilea”.

Il sabato 25 , alla presenza delle maggiori autorità cittadine , nel Salona dei Lampadari di Palazzo San Giorgio,

avrà luogo la presentazione del libro dello scrittore Alberto Cascón Martìn  “Los Que Vienen” edito dalla casa editrice YalodijoCasimiroParker, e già presentato alla Feria de los libros in Madrid , Parque del Buen Retiro.

 Il ventaglio di eventi, organizzato dall’Assessorato alla cultura del Comune di Reggio Calabria in partenariato con l’Associazione Calabria-Spagna vuole celebrare e consolidare l’antico e solido legame tra due Paesi latini e mediterranei che vantano una storia simile.

REGGIO – I bambini della ludoteca ‘Il Girasole’ alla scoperta delle api e del miele

Istituita dall’ONU, la Giornata Mondiale delle Api mira a sensibilizzare il pubblico sul ruolo cruciale che queste “sentinelle dell’ambiente” svolgono. Le api sono essenziali per la biodiversità e la produzione alimentare, ma sono minacciate dalla riduzione dell’habitat, dall’uso di pesticidi, dall’inquinamento e dal cambiamento climatico. Con questo evento, l’associazione “GAYA – Mondo di Unione” e l’asilo nido “Noi con i bambini” hanno voluto coinvolgere anche i più piccoli in questa importante causa.
I piccoli hanno così imparato che rispettare la natura significa ascoltare i suoi tempi e spazi, comprendere i suoi ritmi e agire di conseguenza. Attraverso giochi, laboratori creativi e racconti, i bambini hanno scoperto come le api lavorano e quanto siano fondamentali per il nostro ecosistema.
Durante la giornata si è dato vita ad un laboratorio di panificazione, che ha permesso ai bambini di vivere tutto il ciclo dal chicco alla forma di pane. Questo laboratorio, perfettamente in linea con il modello educativo B612, che prevede di far sperimentare direttamente i bambini utilizzando tutti e cinque i sensi, ha offerto un’esperienza completa e immersiva.
Guidati dagli educatori e dai volontari dell’associazione, i piccoli hanno macinato il grano utilizzando un piccolo mulino, prodotto la farina e impastato il pane. Per dare continuità alla giornata delle api, i bambini hanno utilizzato colori naturali come la curcuma, il nero di seppia e il rosso della barbabietola, riproducendo i colori delle api nei loro impasti. Quello che hanno preparato è stato infornato di fronte a loro, creando un’esperienza sensoriale completa e coinvolgente.
La giornata è stata anche un’opportunità per i genitori di partecipare alle attività insieme ai loro bambini, creando un momento di condivisione e apprendimento comune. Grazie alla guida di Valentina e alla collaborazione del personale dell’asilo, grandi e piccoli hanno vissuto un’esperienza unica e irripetibile immersi nella natura.
La Giornata Mondiale delle Api al Nido “Noi con i Bambini” è stata dunque un successo, unendo educazione e divertimento in una giornata dedicata alla scoperta e al rispetto della natura. I bambini hanno imparato che, anche con piccoli gesti, possono contribuire a proteggere le api e, di conseguenza, l’ambiente. Questa esperienza ha rafforzato l’importanza di crescere con un forte senso di responsabilità verso il nostro pianeta, ascoltando e rispettando i ritmi della natura.
“Cos’è la natura se non rispettare i suoi tempi, i suoi spazi? La natura ci parla. Il suo tempo è il nostro tempo. Un tempo da rispettare, da comprendere, da seguire”.
Con queste parole, Valentina ha concluso una giornata indimenticabile, lasciando nei cuori dei piccoli e dei grandi partecipanti un prezioso insegnamento sulla vita e sulla sostenibilità.
Alla fine della giornata, ogni bambino ha ricevuto da GAYA un pane a forma di ape, un dolce ricordo di questa esperienza speciale e dell’importanza delle api nel nostro ecosistema.

CIRO’ MARINA (KR) – Attività dei carabinieri in materia di violenza di genere

Continua, incessante, l’attività dei Carabinieri della Compagnia di Cirò Marina a contrasto degli episodi di violenza di genere, e a tutela delle vittime vulnerabili che, affidandosi alle Istituzioni, trovano la forza di denunciare e chiedere aiuto. Nei giorni scorsi, in particolare, i Carabinieri di Torre Melissa, hanno arrestato e condotto in carcere un uomo di 56 anni che, dopo aver aggredito fisicamente la moglie, l’aveva minacciata di morte davanti ai militari intervenuti e ai tre figli minori. Le attività condotte nell’immediatezza, e le informazioni assunte, hanno permesso di delineare un quadro di violenza verbale e psicologica che andava avanti da almeno sei mesi, dove insulti ed epiteti denigratori erano all’ordine del giorno.
Ancora, a Pallagorio, i Carabinieri di Verzino hanno sottoposto alla misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare e divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa, con braccialetto elettronico, un agricoltore di 62 anni, indagato per il reato di atti persecutori, il cosiddetto stalking, nei confronti della ex moglie. Il contrasto ad ogni forma di violenza di genere, in linea con la normativa del c.d. Codice Rosso, costituisce per i militari dell’Arma un’assoluta priorità: solo una costante attività preventiva, e interventi mirati e tempestivi, possibili grazie al servizio di pronto intervento, ma anche alla capillarità delle Stazioni Carabinieri, presenti anche nelle aree più remote del territorio, impediscono che gravi situazioni possano degenerare in tragedia.