CALABRIA – Il Tchaikovsky Jazz Quintet del Conservatorio di musica “P.I. Tchaikovsky” di Nocera Terinese vince il I° premio al Jaci&Jazz Academy Contest

Il Contest ha visto la partecipazione di sei band arrivate in finale, formate da allievi dei Conservatori italiani provenienti da: Vibo Valentia, Ribera, Pesaro, Nocera Terinese, Ferrara e Trapani.
La giuria, presieduta dal noto critico e storica firma del prestigioso mensile “Musica Jazz”, Alberto Bazzurro, ha assegnato il premio per la migliore band al TCHAIKOVSKY JAZZ QUINTET del Conservatorio di Nocera Terinese (Catanzaro).

Il Coordinatore del Contest, Paolo Sorge ha dichiarato: “E’ stato una preziosa occasione di incontro, di scambio umano e culturale, di esperienza e di ascolto. Per i giovani musicisti e per noi organizzatori. Ringraziamo con particolare calore i Presidenti, i Direttori dei Dipartimenti jazz ed I Maestri dei Conservatori partecipanti. A loro si deve l’ottimo livello qualitativo della manifestazione, che noi contiamo di rendere sempre migliore. Un grazie speciale ed un abbraccio a tutti i giovani musicisti che si sono esibiti in un clima di fraternità e condivisione.”

Il gruppo musicale che ha vinto è formato da 5 studenti facenti parte del Dipartimento Jazz del Conservatorio Tchaikovsky di Nocera Terinese (cz), Marco Bella (Sax contralto), Leonardo Ragaglia (Sax Tenore), Francesco Miniaci (Pianoforte) Stefano Cardillo (Contrabbasso) e Valerio Gabriele (Batteria).

La formazione è stata guidata nella preparazione dal Maestro Carlo Cattano, Docente di Sassofono Jazz presso il Conservatorio di Musica Tchaikovsky di Nocera Terinese, che ha voluto rilasciare
una dichiarazione: … il Quintetto Jazz Tchaikovsky è un organico estremamente vario e colorato, capace di combinare melodie espressive con spazio sufficiente per sorprese musicali e un ampio arco
di improvvisazione. Sono fiero di aver sostenuto e preparato questi giovanissimi allievi che appartengono al Dipartimento di Musica Jazz, del Conservatorio di Musica Tchaikovsky di Nocera Terinese (cz), dove insegno. Sono rimasto entusiasmato per la loro performance, che ha superato ogni aspettativa, riscuotendo lusinghieri giudizi di pubblico e di critica.

La Commissione del JACI&JAZZ ACADEMY CONTEST, non ha esitato a assegnargli il I Premio, offrendo loro la possibilità di esprimersi nel migliore dei modi. I ragazzi hanno già nel loro cassetto un progetto che li porterà a realizzare un lavoro discografico che uscirà probabilmente il prossimo anno. Confido molto nella loro preparazione professionale e soprattutto nella loro determinazione. Premiazione e splendido concerto per il Tchaikovsky Jazz Quintet, proveniente dal Conservatorio di Nocera Terinese, band vincitrice della terza edizione di Jaci&Jazz Academy Contest di Acireale.

Congratulazioni ai giovani musicisti e ai loro Maestri.

ROCCELLA JONICA (RC) – Il cantautore calabrese Peppe Voltarelli pronto a stregare Roccella Jonica

Grande attesa per il live del cantautore Peppe Voltarelli in scena il prossimo 30 Luglio a Roccella Jonica (Largo Colonne).
Lo spettacolo, rispettando le normative anti Covid, è ad ingresso libero e vedrà il noto cantante calabrese, in scena con il suo “Platenario”, un travolgente recital di canzoni.
“Planetario” è uno spettacolo di teatro-canzone scritto ed interpretato dal  cesellatore di parole e artigiano della musica Voltarelli che, attraverso una selezione di cantautori di tutto il mondo tradotti in italiano, costruisce una personale ed ironica teoria della canzone densa di aneddoti e riferimenti storici. Il viaggio di Voltarelli è fatto di incontri bizzarri in luoghi segreti e inesplorati dove le differenze di stile e di linguaggio, diventano l’anima del racconto.
Una serata da non perdere, un viaggio poetico e appassionante, un vero e proprio “One man show” con chitarra, fisarmonica e pianoforte.
Molti saranno i brani diventati nel tempo dei veri capisaldi del canzoniere di autori come Bob Dylan, Jacques Brel e Leo Ferrè Joaquin Sabina, Vladimir Vysotsky e Luis Eduardo Aute.
Il ruolo sociale del canto e la sua importanza nel sapere collettivo di un Paese sono i temi portanti dello spettacolo ma traspare anche, la poesia di un prezioso artista calabrese che trasuda di scelte, fatica ed offre la possibilità di salvarsi e difendersi.
Voltarelli è pronto a regalare al suo pubblico una fusione di terre e suoni, schiocchi di chitarra sudamericana, fisarmoniche francesi che fanno pensare alla pioggia di Montmartre, ballate andaluse dense di caldo e la magia di una melodia in cui riconoscersi senza compromessi.

REGGIO – Oggi al Mondadori Bookstore di Reggio Calabria la presentazione del libro del procuratore Nicola Gratteri

Non chiamateli eroi. Falcone, Borsellino e altre storie di lotta alle mafie”. E’ l’ultimo libro firmato da Nicola Gratteri insieme al giornalista Antonio Nicaso.

Fresco di stampa, il volume è in libreria da pochi giorni, sarà presentato dallo stesso procuratore questa sera alle ore 19 al Mondadori Bookstore sul Corso Garibaldi di Reggio Calabria nel corso di una chiacchierata con il giornalista Filippo Diano.

A 30 anni dalla morte di Falcone e Borsellino, una raccolta di storie e personaggi per raccontare ai ragazzi il loro coraggio e per continuare a lottare contro le mafie nel loro nome. Nicola Gratteri e Antonio Nicaso ricordano le vite di chi, guardando la mafia negli occhi, ha deciso di difendere le proprie idee, la propria dignità.

«Le parole sono pietre. Usiamole per costruire ponti, per unire le coscienze di chi non sopporta più la tirannide delle mafie, l’ipocrisia di chi dovrebbe combatterle e le menzogne di chi continua a girarsi dall’altra parte.»

Il 23 maggio del 1992 Giovanni Falcone, la scorta e sua moglie vengono uccisi nella Strage di Capaci. Pochi mesi dopo, il 19 luglio, Paolo Borsellino e cinque agenti della scorta perdono la vita nella Strage di via D’Amelio. A 30 anni dalla loro morte, una raccolta di storie e personaggi per raccontare ai ragazzi il loro coraggio e per continuare a lottare contro le mafie nel loro nome. Nicola Gratteri e Antonio Nicaso ricordano le vite di chi, guardando la mafia negli occhi, ha deciso di difendere le proprie idee, la propria dignità: gli occhi di Giuseppe Letizia che, nel buio, assistono spaventati allo svolgersi di un feroce assassinio; le parole “pericolose” di Peppino Impastato che ridicolizzano quegli uomini considerati intoccabili; i saldi principi di Giorgio Ambrosoli; la lotta solitaria del generale dalla Chiesa; la missione contro la mafia di Rosario Livatino, il “giudice ragazzino”; la determinazione di Libero Grassi a non cedere ai tentativi di estorsione; l’alternativa alla mafia e la possibilità di una vita diversa offerta ai giovani da don Pino Puglisi; il diritto a vivere libera rivendicato da Lea Garofalo. I loro sogni, la loro speranza, il loro coraggio sono un modo per non dimenticare: «Si può fare qualcosa, e se ognuno lo fa, allora si può fare molto».

REGGIO – XENIA Book Fair – Fiera nazionale del libro di Reggio Calabria dal 29 luglio al 1° agosto

Giovedì 29 luglio prenderà il via la sesta edizione dello “XENIA Book Fair”, la Fiera Nazionale del Libro all’aperto promossa dalla Casa Editrice “Leonida” di Domenico Polito di concerto con “Sonartis Academy” e patrocinata, tra gli altri, dall’Amministrazione Comunale di Reggio Calabria e dal Consiglio Regionale della Calabria, che avrà luogo nella suggestiva vetrina del Lungomare “Falcomatà”.

Si tratta di una quattro giorni ricchissima di appuntamenti che avrà il suo clou nella serata di sabato 31 luglio, durante la quale è previsto il salotto letterario: “l’Italia incontra la Georgia”, in cui saranno presenti rappresentanti istituzionali reggini e georgiani, e si concluderà domenica 1° agosto con l’imperdibile concerto lirico-sinfonico dell’orchestra del Teatro “Cilea”.

La Fiera vanta la collaborazione di numerose associazioni locali impegnate nella valorizzazione e nella promozione culturale e che offriranno un grande contributo al variegato ed intenso programma dello “XENIA Book Fair”. A cura dell’Associazione culturale “Anassilaos” saranno le letture poetiche che dall’età classica giungeranno fino ai contemporanei passando per uno splendido omaggio al sommo poeta, Dante Alighieri.

A cura de “Il Salotto dei Poeti – La Rosa nel Pozzo” saranno, invece, le interviste agli autori che avranno luogo durante tutta la quattro giorni.

Il tema dello “XENIA Book Fair” 2021 sarà l’“accoglienza” intesa come argine, anche culturale, alla barbarie del razzismo ma anche alla chiusura solipsistica all’interno dei propri confini, tanto geografici quanto mentali. Anche in quest’ottica si sviluppa l’interscambio culturale che la “Leonida Edizioni” ha intrapreso, ormai da qualche anno, con la grande cultura georgiana, nazione emblema della comunicazione tra Europa e Asia. L’argomento dell’accoglienza sarà sviscerato, nei suoi aspetti psicologici, filosofici e socio-politici, attraverso l’incontro con numerosi autori, tra i quali il professore Daniele Castrizio, a cura della relatrice Ilda Tripodi.

Inoltre, saranno presenti numerose case editrici provenienti da tutto il territorio nazionale che esporranno le novità editoriali nonché le migliori pubblicazioni degli ultimi anni.

Lo sforzo organizzativo dello staff della “Leonida Edizioni”, grazie anche all’attiva collaborazione di numerose Associazioni ed Enti, ha permesso di realizzare una straordinaria quanto stimolante kermesse letteraria, nello splendido scenario del Lungomare di Reggio Calabria, che ha l’ambizione di dare lustro e ristoro all’anima della città.

Si ringraziano inoltre: Il Ministero dell’Educazione, della Cultura e dello Sport della Repubblica autonoma di Adjara; l’Ambasciata Georgiana presso la Repubblica Italiana; il Comune di Cosoleto; il Parco Nazionale dell’Aspromonte; la Creative Digital Printers; la Confesercenti di Reggio Calabria.

Appuntamento dunque al 29 luglio, alle 18.30, per l’inaugurazione della VI° Edizione dello “XENIA Book Fair” – La Fiera Nazionale del Libro all’aperto di Reggio Calabria.

GIOIA TAURO (RC) – Il Museo archeologico di Mètauros presenta l’evento “A passi sulla città: archeologia e stratificazione urbana”

Mercoledì 14 luglio, alle ore 18:30, il Museo archeologico di Mètauros presenta “A passi sulla città: archeologia e stratificazione urbana” un evento che sarà articolato in una conversazione itinerante tra le sale museali, a cura dell’archeologo Consoli, la narrazione attraverso le sale, dove sono musealizzate le mura medievali, permetterà il racconto della stratificazione medievale della città di Gioia Tauro con visita raccontata e proiezioni video ed all’esterno con la visita alla torre e le mura di cinta. Mercoledì 14 luglio in questa occasione il Museo archeologico di Mètauros osserverà un’apertura straordinaria pomeridiana dalle ore 18.00 alle 22.00 con ingresso gratuito.

Ecco in dettaglio il programma: Ore 18.30: INTERVENGONO Dott. Aldo Alessio, Sindaco della Città di Gioia Tauro Dott.ssa Carmen Moliterno, Vicesindaco e Assessore alla Cultura Arch. Simona Bruni, Direttore Museo archeologico di Mètauros A seguire Conversazione itinerante con L’archeologo a cura di Dott. Riccardo Consoli Informazioni Evento: Data Inizio: 14 luglio 2021 Data Fine: 14 luglio 2021 Costo del biglietto: gratuito Prenotazione: tramite e-mail del Museo (nel rispetto delle norme anti-covid) Posti disponibili: 35 per la conservazione itinerante Luogo: Gioia Tauro, Museo archeologico di Mètauros Orario: 18.30-22.00 Telefono: +39 3207984594 E-mail: drm-cal.metauros@beniculturali.it

REGGIO – Quarta edizione per il “Derive, festival di musica divergente e trekking urbano”

Lo scorso anno non lo ha fermato nemmeno il coronavirus. Anche in questo 2021 non poteva mancare il “Derive, Festival di musica divergente e trekking urbano” appuntamento organizzato da Laboratori Musicali, presieduto da Teresa Mascianà e giunto alla quarta edizione, con il patrocinio del Comune di Reggio Calabria.

La caratteristica della manifestazione è il suo forte legame con le forme d’arte sul nostro territorio. Grazie a questa peculiarità, negli anni, Derive festival ha contribuito ad arricchire  la proposta turistico-culturale dell’area metropolitana della città di Reggio Calabria. Per la prima volta l’edizione che partirà oggi, 6 luglio, avrà una coda fino al 31 dicembre 2021. Un festival che in quattro anni di vita si è trasformato, soprattutto grazie alle richieste dei comuni, abbracciando nuovi luoghi, con le bellezze nascoste che li caratterizzano e facilmente visitabili facendo trekking.

«Lo scorso anno è stato più difficile e spaventoso cimentarsi in una manifestazione – chiarisce Teresa Mascianà– perché non avevamo idea della normativa, soprattutto della reazione della gente. Però nello stesso tempo abbiamo avuto dei vantaggi poiché, essendo fermi tutti i festival del Paese, abbiamo potuto scegliere degli artisti che, anche per una singola data, dal Nord hanno deciso di venire. La situazione è diversa quest’anno: anche se abbiamo imparato bene ad utilizzare i protocolli anticovid, visto che siamo stati i primi ad utilizzarli, le difficoltà sono adesso legate alla programmazione, i festival al Nord sono partiti per cui per una sola data difficilmente arrivano gruppi e cantanti si muovono per venire alle nostre latitudini. Il covid sta allungando le distanze tra Nord e Sud. La situazione di quest’anno è anche più grave dal punto di vista economico, perché mentre lo scorso anno potevamo contare sugli introiti de 2019 che era stato un anno fruttuoso, lo stesso non si può dire del 2020, con pubblico ridotto e più spese rispetto agli introiti».

Proprio per questo motivo la direzione artistica ha preso decisioni che tengono conto (purtroppo) delle esigenze dovute al Covid. «È una scelta che si basa su cantautorato prettamente italiano – prosegue – con artisti che comunque hanno avuto riconoscimenti nazionali ed internazionali, che hanno consentito di contenere i costi e privilegiare la musica da ascolto considerato che non ci può alzare per ballare».

Un cartellone che resterà aperto: «Ad ottobre, insieme a Daniele Giustra, vorremmo proporre il concerto di Spiritual Front e poi ci sono collaborazioni aperte con diversi comuni».

Come chiarisce Irene Calabrò, assessora comunale alle Attività produttive: «Grande gioia e speranza per la ripresa delle attività culturali della nostra città anche con il contributo delle imprese che fanno cultura a Reggio Calabria. Perché ci sono realtà che non sono attive soltanto dal punto di vista dell’animazione delle attività culturali, ma che sono attività di riferimento anche dal punto di vista imprenditoriale dell’indotto di tutto ciò che c’è dietro ad uno spettacolo, un concerto, una rappresentazione. Come attività produttive sosteniamo questo settore e accogliamo con grande entusiasmo la nuova rassegna curata da Teresa Mascianà e dai professionisti che con lei non mollano la presa e speriamo di poter lasciare ancora una volta il segno questa estate all’insegna dell’inclusione, della valorizzazione del nostro territorio, del nostro patrimonio culturale e delle realtà professionali cittadine».

La direzione artistica è affidata a Ettore Castagna e, per la prima volta, a Teresa Mascianà. Il festival itinerante si concluderà a dicembre 2021, le tappe sono in itinere, sono 9 i comuni coinvolti. Si parte con Scilla, Locri e naturalmente Reggio Calabria. Ma altri comuni saranno parte viva della manifestazione.

Il programma musicale prevede la partenza del festival il 25 luglio coi Villazuk al Parco Ecolandia. Si prosegue il 30 luglio con  Pino Marino nel Giardino della Fondazione Zappia a  Locri; e il 5 agosto  con Carmine Torchia in collaborazione con Scilla jazz festival.

Novità di quest’anno “Derive Factory” che nasce come costola del Derive festival: una serie di concerti all’aperto nel cortile dei Laboratori musicali, per gli artisti dell’area metropolitana di Reggio Calabria, con l’intento di valorizzarli e sostenerli dopo il blocco dei concerti che è durato moltissimi mesi.

Ecco date ed artisti: stasera 6 luglio Sof Sof; il 7 luglio Carlo Stanoaut; l’11 luglio Luframilia; il 2 agosto Zaminga; il 22 agosto Hesenobody; il 19 settembre Aldo Gurnari e, infine, il 26 settembre Francesco Stilo Cagliostro.

Web and Graphic design Director Cinzia Palumbo – Zii KokedamaLove Nca. Segreteria di Produzione Maria Piccolo Winning. Responsabile Tecnico Alessio Mauro; tour manager Federico De Paoli, direttore di palco Paolo Albanese.

 

 

Derive Festival, il programma:

 

25/07/2021 Villazuk Ecolandia

 

30/07/2021  Pino Marino Giardino Fondazione Zappia (Locri)

 

05/08/2021 Carmine Torchia Scilla (RC)

 

Derive Factory:

 

06/07/2021 Sof Sof

 

07/07/2021 Carlo Stanoaut

 

11/07/2021 Luframilia

 

02/08/2021 Zaminga

 

22/08 /2021 Hesenobody

 

19/09/2021 Aldo Gurnari

 

26/09/2021 Francesco Stilo Cagliostro

 

CALABRIA – “Vieni e balla”: un inno alla musica per il nuovo della band calabrese Amakorà

Un inno alla forza della musica e della natura contro l’ossessione dell’apparenza e dell’immagine nell’era dei social. “Vieni e Balla” (etichetta Calabria Sona e Italy Sona) è la nuova canzone degli Amakorà, la band vibonese che nel 2021 festeggia il decimo anno di attività nel campo della musica etno-pop. La formazione – composta da Sandro Scidà, Francesco Papillo, Pietro Maida, Lev Kristian Massa, Francesco Soldano e Francesco Caruso – si è consacrata con le esperienze al Kaulonia Tarantella Future, al “Gran Premio Manente” e al MEI di Faenza, rappresentando la Calabria in diverse vetrine nazionali.

Dopo i primi due album, “Sognu” nel 2013 e “Viva sta vita” nel 2016, e i successi di “Pe tia” e “Tra cielo e mari”, lo scorso anno, in assenza di concerti a causa dell’emergenza covid, la band ha ideato il progetto “Amakora feat.” ospitando nomi del calibro di Mimmo Cavallaro e Armando Quattrone. Quest’estate, invece, si apre con un nuovo singolo e l’esordio ufficiale della nuova voce Francesco Caruso. Ad emergere è la commistione di sonorità, che mette in risalto alcuni tratti tradizionali con altri più moderni.

Il brano “Vieni e Balla” (GUARDA IL VIDEOCLIP), prodotto da Calabria Sona, nasce dalla riflessione sulle “maschere” virtuali che, oscurando la nostra identità, disegnano una vita illusoria lontana dalla realtà. Un mondo di “tanti paruoli chi paranu pagghjia” in cui ci si perde “cuomu a na gugghjia” e ci si abbandona dentro una “reggia”, costruita sull’apparenza e il nulla autentico. La band vuole lanciare un messaggio forte, cantando il bisogno di libertà contro il senso di oppressione, con le note e con le immagini di un suggestivo videoclip girato da Massimo De Masi. Il protagonista vive immerso in un mondo digitale, una gabbia da cui rimangono fuori le sue debolezze e difficoltà. Alla fine, troverà la sua via d’uscita nella musica e nella natura che, a braccia aperte, lo accoglierà lasciando cadere la sua maschera.

“Insieme – commenta la band – abbiamo studiato il modo migliore e più leggero di trattare argomenti come la felicità apparente e la gabbia del mondo social. Non è stato facile, ma abbiamo colto la sfida e il risultato è stato strabiliante”.

REGGIO – Dal 25 al 27 giugno il Castello Aragonese ospiterà l’evento culturale “Rhegium Comics”

Dopo il lungo periodo di fermo, a causa della pandemia da SarSCovid-19, finalmente il Castello Aragonese tornerà ad essere il protagonista dell’evento culturale “Rhegium Comics” nell’ambito del progetto “Mediterranean Wellness – Tra Storia e Leggenda”, promosso dalla TxT Società Cooperativa Sociale, afferente al Sistema ACU “Azione Cristiana Umanitaria”, fondata dal missionario cristiano Gilberto Perri.

L’evento rappresenterà il connubio tra Storia, Fumetti, Cartoons e molto altro ancora, in un susseguirsi di attività ludico-sportivo-ricreative e mostre, che consentiranno ai visitatori di affrontare un fantastico viaggio in questo mondo, che da sempre ci affascina sin da bambini, nonché, ricco di riferimenti storico-culturali per avvicinare i più giovani alla realtà calabrese.

Tra le varie attività e mostre vi saranno:
• Mostra d’arte e scenografiche di Abiti d’Epoca; Pirati del Mediterraneo, la Foresta dei Giganti (tratta dall’anime giapponese Attack on Titan), e tanto altro;
• Area Disegnatori e fumettisti;
• Area Games, videogames;
• Area Softair;
• Escape Room;
• Area medievale: rievocazioni storiche, lezioni di scherma medievale e tiro con l’arco;
• Ecc.

Lo staff della TxT Soc. Coop. Soc vi aspetta al Castello Aragonese dal 25 al 27 Giugno: NON MANCATE!

Per informazioni contattare il numero 379/1175475
Pagina Facebook: https://bit.ly/2XA3Mnn

Ufficio Stampa TxT Società Cooperativa Sociale

Festa della Musica, Poste Italiane omaggia Rino Gaetano ed Ezio Bosso con le cartoline filateliche

Il 21 giugno 1982, da un’iniziativa del ministero della cultura francese, in tutta la Francia, musicisti dilettanti e professionisti invadono strade, cortili, piazze e giardini. Tre anni dopo, nel 1985,Anno Europeo della Musica, la Festa della Musica prende piede in tutto il mondo diventando un fenomeno sociale.
Anche in Italia sono numerosi i concerti di musica dal vivoche si svolgono ogni anno, il 21 giugno, nelle principali cittàcon la partecipazione di musicisti di ogni livello e di ogni genere

 

Poste Italiane ha voluto dare il suo contributo per la ripartenza di un settore molto provato, realizzando tre cartoline filateliche: la prima raffigura il manifesto dell’edizione 2021 a cura dell’Associazione Italiana per la Promozione della Festa della Musica e le altre due nel ricordo di grandi protagonisti della musica italiana, Rino Gaetano e Ezio Bosso, a cui sono stati dedicati i francobolli emessi il 21 maggio scorso.
Le cartoline possono essere acquistate singolarmente negli uffici postali con lo sportello filatelico di Reggio Calabria (via Miraglia), Locri (via Roma) e Palmi (via Battisti) oltre che negli Spazio Filatelia nazionali, al prezzo di 0,90 euro l’una, dove è possibile richiedere l’annullo speciale esclusivamente nella giornata di lunedì 21 giugno.

 

Sul sito di filatelia.poste.it sarà inoltre disponibile il kit “Spedisci la tua musica”, le tre cartoline con i tre francobolli sarannoacquistabili tutti insieme al prezzo di 5 euro. Le cartoline saranno affrancate, per poter essere spedite, dai corrispettivi francobolli di Ezio Bosso e Rino Gaetano mentre la cartolina della promozione della Festa della Musica dal francobollo di Pino Daniele.
Sempre sul sito di filatelia sarà possibile acquistare il kit “Ascolta la tua musica”, che racchiude le cartelle con i tre vinili realizzati per Dalla, Gaber e Modugno al prezzo di 60 euro.

REGGIO – Il “Laboratorio dello Stretto” dell’Accademia di Belle Arti. “Da conversazione ad azione – Incontro finale”

A partire dalle ore 11.00, avrà luogo il nono webinar del ciclo “Impara l’arte e a non metterla da parte!” dal titolo “Da conversazione ad azione – Incontro finale”. L’evento si inserisce all’interno delle attività del “Laboratorio dello Stretto”, Progetto diretto da Francesco Scialò, finanziato dall’intervento “Linee guida per le Istituzioni AFAM calabresi finalizzate al sostegno di interventi a valere sull’Azione 10.5.1 del POR Calabria FESR/FSE 2014-2020”.

“Impara l’arte e a non metterla da parte!” nasce con l’Associazione Culturale FUORI POSTO insieme all’Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria, diretta da Maria Daniela Maisano. È un ciclo di nove incontri sui mestieri dell’arte, di formazione e orientamento, curati da Francesco Benedetti, docente di Design del Gioiello presso l’Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria. Essi vedono la partecipazione di sei esperti di art advisoring, visual design, arte contemporanea e curatela d’istituzioni artistiche.

A seguire alcuni cenni biografici sui relatori del nono webinar..

Curatore Francesco Benedetti è un consulente e industrial designer, art director di imprese italiane che operano in ambito internazionale. Nel 2006, fonda Benzima Design Studio. All’attività professionale affianca quella didattica presso Accademie di Belle Arti e Università Italiane dove insegna design del prodotto e design della comunicazione. Partecipa alle attività nazionali e territoriali dell’ADI Associazione, per il Disegno Industriale e di Design for All Italia, associazione che si occupa di diffondere le competenze progettuali e le modalità operative necessarie a una maggiore inclusione sociale. Nell’ambito dell’attività professionale si occupa d’industrial design come partner di piccole e medie imprese con la necessità di coordinare le azioni e gli investimenti attraverso l’applicazione di metodologie design oriented.

Staff di Fuori Posto: Barbara Priolo (Vice-presidente e Direttore creativo), Irene Crupi (Presidente e Responsabile Pubbliche Relazioni), Roberta Grosso (Tesoriere e Graphic designer) e Claudia Birelli (Segretario e Responsabile attività espressivo-creative).

Il webinar sarà fruibile a tutti su piattaforma Google Meet seguendo le indicazioni reperibili sul sito dell’Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria, nella sezione dedicata.