GIOIA TAURO (RC) – Grave incidente allo svincolo dell’ Autostrada A2, morto 50enne

Un 50enne, Domenico D’Agostino, di Taurianova, è morto stamani in un incidente stradale avvenuto nei pressi della rotatoria allo svincolo dell’Autostrada A2 a Gioia Tauro. L’uomo era a bordo del suo scooter quando, per cause in corso di accertamento, ha perso il controllo venendo sbalzato dal mezzo e finendo contro un’auto che procedeva in direzione opposta. Inutile l’intervento dei medici del 118. L’uomo, infatti, è morto sul colpo. Sul posto sono intervenuti carabinieri e polizia per i rilievi.

(ANSA).

CROTONE – Arrestato 53 per possesso di sostanze stupefacenti, denunciata anche la madre

Nella mattinata di ieri, nell’ambito degli ordinari servizi di controllo del territorio personale dell’U.P.G.S.P.- Squadra Volanti traeva in arresto C. F. crotonese del 1968, soggetto con numerosi precedenti penali per reati in materia di stupefacenti, per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente ex art. 73 co.1 D.P.R. 309/1990.

Intorno alle ore 8.00 odierne gli operatori della Polizia di Stato, nel corso del normale servizio di controllo del territorio, procedeva al controllo d’iniziativa di un’abitazione sita in zona centro storico.

All’interno dell’abitazione gli agenti prendevano contatti con la proprietaria madre del C.F., che subito consegnava ai poliziotti una borsa nera, con all’interno dello stupefacente del tipo marijuana e Hashish e diverse buste in cellophane usate come materiale di confezionamento.

La stessa dichiarava che la borsa era stata portata e stipata in casa sua dal figlio qualche giorno addietro.

Poco dopo giungeva sul posto proprio il C.F. che si assumeva la paternità dello stupefacente dichiarando di averlo conservato presso l’abitazione della madre al fine di evitare i controlli della Polizia.

All’esito dell’esame sulle sostanze rinvenute, condotto dal Gabinetto Provinciale di Polizia Scientifica emergeva che all’interno della borsa vi erano stipati:

– un involucro di cellophane bianco trasparente contenente sostanza stupefacente di tipo Marijuana del peso lordo di gr. 209.64;

– due panetti di sostanza stupefacente di tipo Hashish del peso lordo complessivo di gr. 177.62.

Inoltre, all’interno della borsa vi erano tre buste di cellophane e un rotolo di carta di alluminio.

Dopo aver notiziato l’A.G. il soggetto veniva tratto in arresto per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente ex art. 73 co.1 D.P.R. 309/1990 e sottoposto agli arresti domiciliari, mentre la madre, veniva deferita in stato di libertà in concorso con il figlio per il medesimo reato.

Oratorio Itinerante, il 25 settembre a Gallico passeggiata ecologica tra natura e fede

Dopo il pomeriggio all’insegna dello sport e dopo il momento di spiritualità sulla spiaggia di Gallico Marina, torna a Reggio Calabria un nuovo appuntamento con l’Oratorio Itinerante. La terza iniziativa della serie è in programma sabato 25 settembre 2021 e nasce dalla collaborazione tra l’Associazione di Volontariato “Il sorriso di don Bosco” di Gallico e l’Oratorio Parrocchiale “San Sebastiano Martire” di Diminniti. Una condivisione di intenti maturata dal desiderio di sana aggregazione, dopo il periodo più buio della pandemia, che è sfociata nell’organizzazione di una “passeggia ecologica tra natura e fede alla scoperta del nostro territorio”.

L’escursione è aperta a chiunque volesse partecipare ed il programma prevede il raduno alle ore 15.00 nella traversa di Via Troncovito Palazzine di Gallico (nei pressi dei locali dell’Oratorio Don Bosco) e la partenza alle ore 15.30 con destinazione la chiesetta della Madonna della Neve, nel suggestivo belvedere di San Giovanni di Sambatello dal quale è possibile scorgere un panorama mozzafiato dello Stretto e della città di Reggio Calabria. Nel corso della passeggiata, che soste comprese durerà circa tre ore, non mancheranno momenti di convivialità, allegria, confronto, preghiera e spiritualità.

Per la partecipazione all’iniziativa, totalmente gratuita, basta presentarsi alle ore 15.00 di sabato 25 settembre muniti di zainetto, scarpe comode, acqua e felpa. I bambini dovranno necessariamente essere accompagnati dai genitori.

L’Associazione di Volontariato “Il sorriso di don Bosco”, animata dal carisma e dal sistema educativo del Santo dei giovani, è costituita dalla Famiglia Salesiana che per quasi sessant’anni ha composto la comunità delll’Oratorio don Bosco di Gallico: salesiani cooperatori, exallieve, PGS Aurora Gallico, animatori, simpatizzanti e volontari.

L’Oratorio Parrocchiale “San Sebastiano Martire” di Diminniti, nato nel 2010, è un piccolo punto di incontro e comunione sulla strada del “crescere insieme” per donare alla comunità esperienze di vita e opportunità di crescita e per accompagnare le giovani generazioni su un cammino di fede, speranza e carità attraverso la preghiera, il teatro, la musica, lo sport ed il tempo libero.

Per informazioni più dettagliate è possibile visitare le pagine facebook Oratorio “Don Bosco” di Gallico e Oratorio “San Sebastiano Martire” Diminniti.

REGGIO CALABRIA – Prima convention nazionale “Azzurro donna” di Forza Italia

È stata scelta la punta dello Stivale per realizzare il primo Congresso Nazionale di Azzurro Donna – Forza Italia. Si terrà il 24 settembre in riva allo Stretto e, per l’occasione, giungeranno a Reggio Calabria diversi big del Partito e Ministri.

Coordinata da Catia Polidori, la convention sarà divisa in due sessioni di lavori, avviate da Maria José Caligiuri:

una mattutina dal titolo “LE DONNE PER LE DONNE: I SUCCESSI DI FORZA ITALIA” con inizio alle ore 10, durante cui interverranno Stefania Prestigiacomo, Licia Ronzulli, Anna La Rosa, Anna Maria Bernini, Mara Carfagna e Maria Stella Gelmini;

la seconda a partire dalle ore 15, “LE DONNE PER LA CALABRIA”, con gli interventi di Fulvia Michela Caligiuri, Maria Tripodi, Giusy Versace.

Concluderà il candidato Governatore della Calabria, Roberto Occhiuto.

Saluti iniziali affidati ai “padroni di casa” Giuseppe Mangialavori e Francesco Cannizzaro; quelli finali invece ad Antonio Tajani.

Location di entrambe le sessioni del Congresso nazionale sarà la splendida finestra sullo Stretto del “Kalura”, sul Lungomare dello Stretto, 1 – Villa San Giovanni (Reggio Calabria). Sarà consentito l’ingresso soltanto ad un giornalista e/o operatore per ciascuna testata, con accreditamento al momento dell’accesso, che sarà consentito solo se muniti di green-pass.

Elezioni regionali, Reggio Futura: “Codice etico, la doppia morale del PD”

Da qualche giorno nel centrosinistra calabrese, in tanti si mostrano sorpresi e amareggiati per l’inserimento nella lista del PD di un candidato in spregio al codice etico del partito (perché imputato nel processo Miramare).
Nel tentativo di metterci una pezza, ieri la Bruni ha cercato in modo goffo di giustificare questo inserimento sostenendo che secondo due avvocati il soggetto in questione sarebbe candidabile nonostante la pendenza giudiziaria che grava su di lui (ma senza spiegare il perché… e così la pezza si è rivelata peggiore del buco).
È certamente insensato escludere la candidabilità di un soggetto per un semplice rinvio a giudizio (posto che è la stessa Costituzione a statuire il principio secondo cui nessuno può essere giudicato colpevole prima che sia intervenuta una sentenza irrevocabile di condanna), ma se un partito decide di inserire questa regola (liberticida e giustizialista) nel proprio codice etico, dovrebbe poi, per serietà e coerenza, rispettare ed applicare la regola stessa. Invece a sinistra così non è.
Ma la cosa non dovrebbe destare tanto stupore, posto che non è la prima volta che il PD, sull’applicazione del proprio codice etico chiude un occhio (anzi, tutti e due): lo scorso anno nessuno ha battuto ciglio sulla candidatura di un (ben più noto) rinviato a giudizio (sempre nel processo Miramare): l’attuale sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà. Eppure per la sua candidatura c’era un doppio impedimento: il codice etico del PD e la Carta di Pisa (altro codice etico sottoscritto dall’amministrazione Falcomatà il 20 novembre 2014). In quella occasione inutilmente Reggio Futura sottolineò questa incongruenza ma la questione sembrò non interessare nessuno a sinistra (e in buona parte anche a destra).
Che dire? Questa è l’ennesima dimostrazione della “doppia morale“ della sinistra. Doppia morale che fino a ieri è stata utilizzata dal PD nei confronti degli avversari politici e oggi addirittura all’interno del partito stesso.

Il Presidente
avv. Italo Palmara

REGGIO – Arriva il progetto “Dacci un taglio e regala un sorriso”, per poter donare delle parrucche ai malati oncologici

La perdita dei capelli durante il cancro è un momento delicato e molto difficile per chi lo vive. È un effetto collaterale della chemioterapia che, seppur temporaneo, si rivela inevitabilmente drammatico. L’immagine allo specchio non è più la stessa: viene meno il senso di sé, viene meno il senso di femminilità e con essi l’autostima. Nei casi di tumore al seno, spesso, ci si sente mutilati; non solo per l’asportazione della mammella, ma anche per la perdita di un qualcosa che conferisce la sicurezza necessaria al fine di riconoscersi in un corpo.

Per questo motivo, l’A.C.M.O IDA PAONESSA ODV (Associazione calabrese malati di cancro) svolge la sua attività esclusivamente nell’ambito della Regione Calabria. Il suo obiettivo è quello di sostenere la cura delle persone malate di tumore attraverso un’adeguata Assistenza Sanitaria e Sociosanitaria.

L’ Associazione ha inoltre dato vita al progetto: “Dacci un taglio e regala un sorriso”. Donando la propria ciocca di capelli destinata alla realizzazione della parrucca è possibile regalare davvero un sorriso. L’ACMO stessa provvederà ad inviare le ciocche alla Tricostar, la quale realizzerà le parrucche.

Il progetto “Dacci un taglio e regala un sorriso” arriva anche a Reggio Calabria. La Dott.ssa Repaci, Psicologa e Psiconcologa, dopo un incontro con il Vicepresidente dell’Associazione, ha deciso di sostenere il progetto e invita tutti coloro i quali volessero aderire e offrire il proprio contributo o anche solo a chiedere informazioni a contattare la stessa (Dott.ssa Repaci) al 391 3656974 o Pietro al 351 5891144. Oppure, a visitare il sito dell’associazione.

La Dottoressa Alessandra Repaci : “Essere a supporto di un momento che va a destabilizzare progetti, aspettative di vita di chi vive una situazione di questa portata che coinvolge l’intero sistema familiare e non solo è molto importante, soprattutto in un momento come questo, dove è tristemente nota la criticità della sanità calabrese, in particolar modo per i pazienti fragili. L’impegno dell’ACMO è lodevole oltre che continuativo, neanche il covid è riuscito a fermare l’impegno e la dedizione dei volontari.

Ho deciso di essere la referente per la raccolta dei capelli nella nostra città e solo l’idea di aiutare mi riempie di gioia. Cerchiamo parrucchieri desiderosi di aderire all’iniziativa. Cerchiamo persone che vogliono regalare un sorriso donando le loro ciocche.”

Dottoressa Alessandra Repaci, Psicologa.

REGGIO – via Villa Aurora senza illuminazione, la protesta dei residenti

Sono circa due anni che via Villa Aurora, a pochi passi dall’ospedale Riuniti, rimane completamente al buio. Adesso i cittadini residenti nella zona sono stanchi e dopo decine di segnalazioni, telefonate all’Urp, mail e perfino l’invio di due Pec certificate agli uffici competenti, non ne possono più e si affidano ai media per porre al centro dell’attenzione un problema che in altre città sarebbe stato risolto in poche ore.

“Da più di due anni la zona in cui abitiamo è al buio e nonostante le ripetute sollecitazioni che noi residenti abbiamo inoltrato all’Amministrazione comunale nessuno ha provveduto a risolvere il problema. E’ superfluo rimarcare il ruolo fondamentale che riveste l’illuminazione pubblica nel progetto urbano che tra l’altro garantisce sicurezza e orientamento per i cittadini. Proprio per questo siamo stati costretti, visto il totale disinteresse dell’amministrazione pubblica alle nostre sollecitazioni, a impiantare delle luci esterne sopra ogni portone che insiste nella stessa via per non restare completamente al buio e per non favorire a tal modo atti di ordinaria violenza, scippi, furti, rapine e altro che il buio ovviamente favorisce. Ma quello che più ci stupisce e che mentre si parla di grandi progetti, come il “Waterfront” e di una città al centro delle culture del Mediterraneo, non solo non riesce a garantire da anni un corretto smaltimento della spazzatura ed una normale manutenzione stradale ma c’è da aggiungere adesso un servizio di illuminazione pubblica che esiste solo sulla carta, e non solo in via Villa Aurora, e la quasi inutilità degli uffici preposti che, anziché mettersi al servizio dei cittadini, preferiscono ignorare qualsiasi richiesta. Davanti a tutte queste inefficienze che mettono in luce lo stato di prostrazione di una città totalmente in ginocchio, ci appelliamo a quei pochi politici, di qualsiasi colore, che abbiano ancora a cuore le sorti della città e che considerano la politica come servizio e non come occasione di coltivare solo ed esclusivamente interessi personali”.

Un gruppo di residenti di Via di Villa Aurora

ROCCELLA JONICA (RC) – Nuova operazione di soccorso in mare: sbarcati 54 migranti

Nuovo sbarco nella Locride. Sono 54 i migranti tra tra iracheni, iraniani ed egiziani, giunti a Roccella Ionica a seguito di un’operazione di salvataggio in mare compiuta dai militari della Guardia Costiera.

Già all’alba di lunedì, nella struttura portuale della cittadina ionica della provincia di Reggio Calabria, erano approdati altri 74 profughi.
Tra gli ultimi soccorsi anche 4 donne, tra cui una con una gamba fratturata, e alcuni minori. Prima di essere individuati ad oltre 100 miglia di distanza dalla terra ferma, i migranti si trovavano a bordo di una barca a vela alla deriva, in balia del mare mosso. Dopo il trasbordo in una delle motovedette della Guardia Costiera e l’arrivo nel porto di Roccella, tutti i profughi sono stati sottoposti al test del tampone molecolare e di seguito sistemati momentaneamente nel centro di primo soccorso gestito dalla sezione della Protezione Civile.
La donna con la gamba fratturata, di nazionalità iraniana, invece, è stata trasportata nell’ospedale di Locri. Con l’arrivo di oggi pomeriggio è salito a 30 il numero degli sbarchi (26 solo a Roccella Ionica) che finora si sono finora verificati nel solo tratto di costa della Locride negli ultimi tre mesi.
(ANSA).

REGGIO – Riprendono i concerti dal vivo del Conservatorio Cilea

Giovedì 23 settembre 2021, alle 18:30, il Conservatorio “F. Cilea” riprende i suoi concerti dal vivo presso l’Aula Magna “Quistelli” dell’Università Mediterranea.

L’Istituzione diretta dalla prof. Maria Grande e presieduta dalla prof. Concetta Nicolosi aveva tenuto l’ultimo concerto pubblico prima del ritorno alle restrizioni dell’emergenza Covid-19 il 29 luglio 2020 presso il Museo diocesano di Reggio Calabria. Seguirono il Concerto di Capodanno e la prima parte della XXX Stagione concertistica, dal 7 maggio al 9 luglio 2021, realizzati in diretta streaming a causa delle limitazioni imposte dalla pandemia e ritrasmessi da una tv locale, nonché alcuni concerti dal vivo tenuti principalmente dagli studenti del Conservatorio in Cattedrale, sulla terrazza del MArRC, al Waterfront, al Parco Ecolandia e a Varazze (Savona), dove il 5 agosto scorso è stato ricordato il trasferimento di Francesco Cilea dalla Calabria alla Liguria, avvenuto nel 1909.

La XXX Stagione concertistica prosegue stavolta in pubblico presso l’Aula Magna “Quistelli” della “Mediterranea”, pur con le restrizioni dovute alla pandemia, con 12 eventi il cui inizio è fissato alle ore 18:30. Solo i concerti del 25 settembre e del 20 ottobre si terranno nell’auditorium del Conservatorio. L’ingresso è libero.

Questo il calendario:

23 SETTEMBRE: GIUSEPPE BALBI, MAURIZIO INNOCENTI – Clarinetto e Pianoforte.

25 SETTEMBRE: MARCELLO ALLULLI, GIAMPIERO LOCATELLI (Auditorium del Conservatorio) – Sassofono e Pianoforte.

27 SETTEMBRE: OLEKSANDR SEMCHUK – Violino.

1 OTTOBRE: ADOLFO ZAGARI, SERGIO PUZZANGHERA – Fisarmonica e Pianoforte.

6 OTTOBRE: MARCO VANNI, SANDRO TANI – Ensemble di Saxofoni.

7 OTTOBRE: ROBERTO FABBRI, Chitarra.

12 OTTOBRE: DAVIDE CHIESA, GIOSUE’ DE VINCENTI – Flauto e Pianoforte.

15 OTTOBRE: ANDREA DE VITIS, Chitarra.

20 OTTOBRE: TIZIANA LOI (Auditorium del Conservatorio) – Ensemble di Arpe.

22 OTTOBRE: FILIPPO BARRACATO, FABIO COSTANTINO, MAURIZIO INNOCENTI – Fagotto, Clarinetto e Pianoforte.

26 OTTOBRE: ALESSIO BIDOLI, ANDREA FRANCESCO CALABRESE – Violino e Pianoforte.

28 OTTOBRE: GIAMMARCO CASANI, TERESA SPAGNUOLO, FABIO COSTANTINO, ALESSANDRO GIGLIOTTI – Ensemble di Clarinetti.

Nati prematuri, arriva a Reggio la “Octopus Therapy”. Il Garante Emanuele Mattia: “Viva la vita.”

Solitamente, il termine “tentacolo” ha spesso una connotazione negativa. Ma non è sempre così. Lo dimostra la cosiddetta “Octopus Therapy”, metodo di cura per nati prematuri, che arriva all’Unità Operativa Complessa di Terapia Intensiva Neonatale del GOM di Reggio, al quale sono stati donati 30 allegri e colorati pupazzetti in cotone cuciti all’uncinetto, ognuno con il suo simpatico nome.

Questo arrivo, il primo in un nosocomio al Sud Italia, è stato fortemente voluto dal Garante Metropolitano per l’Infanzia e l’Adolescenza Emanuele Mattia, grazie alla sinergia con il “Crochet Firenze Fans”. L’idea, resa possibile grazie al lavoro del gruppo fiorentino di appassionate di uncinetto tra arte e solidarietà, consiste nell’utilizzo di “polipetti” di cotone in uncinetto che riproducono la sensazione di afferrarsi al cordone ombelicale del ventre materno.

Dunque, non semplici pupazzetti, ma strumenti che riducono ansia e nervosismo e permettono uno sviluppo armonico, considerato che la nascita prematura genera un brusco cambio di ambiente rispetto al “pancione”. Infatti, messi nella culla, i neonati, non appena trovano uno dei tentacoli del polipetto, lo afferrano come fino a pochi giorni prima facevano con il cordone ombelicale materno. E studi hanno dimostrato che mediante questo contatto non solo respirano meglio, ma presentano battiti più regolari e un livello di ossigeno del sangue aumentato, senza dimenticare la diminuzione delle probabilità di tirare tubi e cavi dei monitor delle incubatrici.

Per garantire i nati prematuri, si seguono specifiche caratteristiche: utilizzo di cotone al 100%; punto realizzato molto stretto per evitare che l’imbottitura esca fuori; imbottitura di una fibra lavabile a 60 gradi, tentacoli non più lunghi di 22 centimetri.

“Siamo un gruppo di persone semplici al quale piace dedicare il proprio tempo e la propria arte a progetti solidali, senza apparire. Siamo felici di questa collaborazione con il Garante e con Terapia Intensiva Neonatale di Reggio Calabria e siamo pronte per ulteriori progetti” affermano le componenti del “Crochet Firenze Fans”.

“Ringrazio il Garante per questa bellissima iniziativa, importante sia dal punto di vista umano che da quello sanitario. Il dottor Mattia è riuscito a sorprendermi ancora  trovando un ulteriore modo per stare vicino alla nostra UOC. La “Octopus Therapy” dà un calore fondamentale ai nostri pazientini indifesi, che hanno avuto come unico compagno di viaggio il moncone ombelicale; i polipetti saranno compagni di viaggio importantissimi. Questa terapia si affianca alla “Zero separation” dai  genitori (e della mamma in particolare) che portiamo avanti ogni giorno dentro il nostro reparto” spiega il Direttore della Terapia Intensiva Neonatale Isabella Mondello.

“Trasmettere buone azioni a supporto dei nostri neonati è un dovere sociale. Ringrazio il GOM e la Terapia Intensiva Neonatale per il grandissimo lavoro che quotidianamente svolgono con i propri medici e i propri infermieri e personale OSS, garantendo la tutela della vita. A loro il mio affettuoso abbraccio. E saluto tutte quelle famiglie che ricevono grandi attenzioni  pur vivendo momento di inquietudine. Viva la vita” conclude Mattia.