SATIRE VERITAS – Natale 2023: Pronti, partenza… VIA! Ma Reggio rimane alla linea di partenza.

Mentre il Natale 2023 colora e accende gli animi e il cuore di ogni città, ecco che Reggio Calabria, dopo essere stata colpita duramente dal Grinch (individuato nella persona del Sindaco Giuseppe Falcomatà), sembra essersi fermata in un loop temporale pre-natalizio che dura un’eternità!

Siamo arrivati, infatti, al 15 dicembre ed ancora la Città non ha una programmazione serrata di eventi ed attrattori turistici per le festività natalizie: una Reggio che nasce e vive per vocazione turistica, non è ancora pronta ad accogliere turisti!

Per non parlare dell’assurdo ritardo collezionato per la realizzazione del mercatino di Natale: casette in legno ancora in costruzione, oppure rigorosamente chiuse per assenza di commercianti (e forse di autorizzazioni)! E dove sarebbero andati a finire questi ultimi!? Secondo voci di corridoio e secondo quanto trattato anche nella Commissione di Controllo e Garanzia, presieduta dal Consigliere comunale Massimo Ripepi, sembrerebbe che i commercianti, considerato il notevole ritardo che avrebbe dovuto vedere gli spazi adibiti alla vendita già pronti per i primi di dicembre, ad oggi non troverebbero più alcuna utilità economica… anzi, attualmente, rischierebbero di non riuscire a coprire le spese con i guadagni (considerando i 15 giorni in meno nel mese!!!).

In un momento in cui, la crisi economica è sempre più fitta, certamente il ritardo della Giunta comunale rispetto all’apertura di questi spazi commerciali rappresenta una grave mancanza nei confronti dei commercianti reggini… non so voi, ma a casa nostra, eravamo già pronti al Natale almeno dal 20 novembre: ma evidentemente, in casa Falcomatà, “l’albero si fa il 15 dicembre”!

S.M. x AstuPuntu

 

SATIRE VERITAS – Il Natale è morto a Reggio? Fermi tutti e attenzione al Grinch!

Il Natale è morto a Reggio!? Chi ha commesso il misfatto!? 

Cari bimbi e meno bimbi, quest’anno bisogna fare attenzione! Perché a mettere in pericolo le festività natalizie è proprio lui: il Grinch! Ma attenzione… perché si è nascosto nei panni del Primo Cittadino: Giuseppe Falcomatà!

E chi l’avrebbe mai detto!? Eppure è così! Perché quest’anno, l’unica “illuminazione” che ha visto la Città è stata quella della Giunta che, con un mirabile colpo di genio, ha affidato il Natale reggino alla società in-house Svi.Pro.Re., con l’assegnazione di ben 340.000 euro!

E allora, che c’è di male? Tutto è fermo. Tutto è spento. Tutto è chiuso. Il Grinch, quest’anno, si è impegnato davvero tanto!

Il mercatino di Natale? Chiuso. 

Dov’é? Solo a Piazza Duomo… chiuso.

Putiferio al Comune, dove alcuni consiglieri d’opposizione (Ripepi, Cardia e Neri) hanno fatto pressioni all’amministrazione per cercare di salvare il salvabile, o comunque di capirci qualcosina in più. Magari, se tutti ci impegnassimo ad esprimere un desiderio comune, forse forse, sotto la cometa natalizia, dovremmo riuscire a vedere un po’ di movida in città… però, sempre attenti al Grinch!

S.M. x AstuPuntu

SatireVeritaS – A Reggio, dall’Infopoint ai bagni pubblici è un attimo: letteralmente!

Reggio, la Città dei Bronzi, con i bagni pubblici accanto all’Infopoint: che sia una nuova espressione di nicchia dell’Arte Contemporanea?

Sicuramente, questo Infopoint sarà particolarmente suggestivo e dall’aroma indimenticabile, per tutti i turisti che decideranno (se avranno il coraggio di avvicinarsi) di chiedere informazioni!

E anche per oggi, dalle “Comiche di Reggio”: è tutto! Forse…

SatireVeritaS – La storia della Reggina in un meme

Tantissimi le riflessioni e le polemiche che sono sorte sulla scelta, assolutamente discutibile, del Sindaco ff Paolo Brunetti, il quale ha scelto la società “La Fenice Amaranto”, piuttosto che la società “Reggio F.C.”.

Tra chi ha criticato e chi ha approvato questa scelta, lasciamo ai nostri lettori un famoso meme, per riproporre con una punta di ironia, quanto sta accadendo nelle ultime settimane. A voi reggini, il compito di tirare le somme!

SatireVeritaS – Ilari e l’onestà: anche Gianluca Regali garantisce per lui.

Brilla di onestà, il nuovo presidente romano della squadra amaranto, Manuele Ilari che, anche oggi ci ha regalato una delle sue perle.  Per cui diciamolo: il più grande garante dell’integrità del Patron, sarà senz’altro Gianluca Regali, nuovo investitore della Reggina… solo che, neanche quest’ultimo era a conoscenza di ricoprire questo ruolo!

Tra tutte le super-balle del presidente Ilari, infatti, sembrerebbe che abbia “erroneamente” citato, durante diverse interviste, il suddetto Gianluca Regali, della Lenori Spa, “la quale fattura oltre 150 milioni”, all’insaputa dello stesso imprenditore che si sarebbe ritrovato magicamente a ricoprire il ruolo di “nuovo vice Presidente. nonché uno degli investitori“ della squadra amaranto.

Sicuramente i reggini si sono stancati di tutte le supercazzole volanti degli ultimi giorni… e stanno aspettando solo la scusa buona per premere il grilletto e rispedire l’attuale immeritevole proprietario della società, nuovamente a Roma.

SatireVeritaS – Saladini: nuovo Parafulmine della società

Sulle tematiche di accordi e vendite, il Patron della Reggina Calcio, Felice Saladini, intervistato ieri su SportItalia, ha ripetuto un’infinità di volte di essere diventato il Parafulmine di una serie di problematiche della società calcistica: “Perché vendo? Perché ero diventato un parafulmine.”

 

 

SatireVeritaS – Tratto dal Film “Il Signore dei Tranelli”

11/08/23: Brunetti, dopo la Conferenza Stampa alla CCIAA:

«Noi siamo a disposizione di Sacal e lo abbiamo già dimostrato. Il compito di rilanciare l’Aeroporto è di Sacal. Nessuno dice che le limitazioni non possano essere risolte. Se il problema dell’Aeroporto è l’abbaino sono felice, perché significa che appena verrà abbattuto mi aspetto voli a gogò. Io credo però che i problemi siano tanti altri, c’è lavoro, ci sono criticità. Se serve salvare l’Aeroporto io mi mischio anche col diavolo, non ne faccio una questione di appartenenza politica. Parliamo con Sacal e con la Regione Calabria».

 

15/08/23: Sempre Brunetti, 4 giorni dopo, alla Gazzetta del Sud:

«Sacal gestisce Reggio ormai da diversi anni. Ricordo quante battaglie esclusivamente per conoscere il piano industriale. Ogni anno ci sentiamo ripetere che il prossimo sarà quello buono. Adesso è chiaro che si pretende un cambio di passo, anche perché vediamo che l’aeroporto di Lamezia è in continua crescita mentre quello di Reggio, nonostante emendamenti e conferenze stampa a raffica, da tempo risulta completamente abbandonato».

Il ciclo dell’acqua

Il ciclo dell’acqua
E’ Giugno, e aspetti l’acqua del Menta.
Agosto, e temi che, sull’acqua, il Sindaco ti menta.
Gennaio. Ti mente. Ma non sull’acqua.
Nell’acqua sei tu.
Ed il Sindaco sta con i piedi all’asciutto.
Cesare Minniti

Dal Waterfront a Waterworld, istruzioni per la sopravvivenza

A differenza di sport acquatici come canoa e kayak, risalire strada di casa propria non è uno sport. Serve comunque una buona dose di esperienza, determinazione ed una certa prontezza di riflessi per prevalere sulle rapide, con l’obiettivo finale di parcheggiare l’auto con l’esatta quantità di ruote di partenza. Intendersi d’idraulica aiuterà a scegliere punti non soggetti a forti correnti.
Possiamo studiare le turbolenze dell’acqua, per indovinare la presenza di tombini scoperti o crepacci sotto il pelo dell’acqua, ma il vero consiglio è: fidatevi dell’olfatto. La fogna che esce dai tombini può essere un vero alleato, in questo senso. Se siete sottovento e non sentite puzza, è improbabile che il punto da evitare sia di fronte a voi. Ciò non vale, ovviamente, nelle piazze o nelle cunette dove i liquami sono diffusi e stagnanti. Tanti trucchi da marinaio, inutile dirlo, a nulla servirebbero se giunti a casa non si assicurassero le gomene a pali non caduchi.E’ importante non perdere l’auto durante la notte.
Infine, una banalità che è sempre bene ricordare: l’automobile è più pesante dell’acqua, quindi uscire dal finestrino anzichè dagli sportelli , che hanno il difetto di aprirsi al di sotto della linea di galleggiamento. Tutto questo tam tam quotidiano, se rileggiamo attentamente la sequenza, ruota attorno al punto nodale del problema delle strade, che è l’automobile. Non fosse per quell’ostinata ortodossia nella scelta dei mezzi di trasporto, anche a Reggio sarebbe facile navigare, l’equivoco di fondo è che in città serva per forza un mezzo a ruote.
Dimenticando secoli di vita marinaresca, ed ignorando l’urbanistica veneziana, i reggini hanno scelto male imboccando un percorso senza ritorno che porta dal carretto al suv, scelta non intelligente in un contesto ambientale dove non costituisce la migliore forma di adattamento. Dunque l’appello è creare a Reggio, una via di mezzo tra la zattera ed il mulo, che garantisca un trasporto in tutto confort, tanto nel pantano quanto nella fiumara stradale.

diCesare Minniti